Il dolore per nonna Lidia: un addio senza un perchè

Il devastante scontro frontale
Il devastante scontro frontale
F.ZIZ26.05.2020

Non l’aveva fermata nemmeno il tremendo impatto frontale contro l’altra auto e nonostante si trovasse nella situazione più esposta, sul sedile del passeggero accanto al conducente. Ha anche trovato la forza di liberarsi della cintura di sicurezza e dell’airbag scoppiato e uscire dall’abitacolo per percorrere pochi metri. Gli ultimi prima di essere stroncata da un arresto cardiaco, forse indotto dalla preoccupazione delle condizioni del figlio e della nuora. Il destino ha chiamato l’altro pomeriggio a 94 anni nonna Lidia Marini, mentre tornava a casa dopo una giornata serena con i suoi cari. Ma il traguardo raggiunto si è poi infranto contro quella Opel Astra e per un motivo drammaticamente banale. Domenica, dopo le 17,30, il figlio 64enne dell’anziana era alla guida della Fiat Sedici di famiglia. Accanto a lui proprio la madre e dietro, sui sedili posteriori, la compagna di 56 anni. Suvia Brescia, accesso al paese al confine tra le località Termine e Valle, forse una distrazion ha portato allo scontro con l’Opel Astra condotta da un 34enne. L’impatto ha fatto rimbalzare i due veicoli in uno sfacelo di lamiere. I carabinieri guidati dal comandante Antonino Calorenni hanno appurato la dinamica e consegnato al magistrato di turno le immagini riprese dalle telecamere dell’azienda presente lungo la strada. Nello stesso tempo, resi inutili i tentativi di rianimazione, il corpo dell’anziana è stato ricomposto in attesa del nulla osta. E a referto sono finiti anche il figlio, la nuora e il giovane conducente dell’altro veicolo, condotti in ospedale in condizioni non gravi. • ,