In ospedale una famiglia intossicata dal monossido

M.PAS. 18.12.2018

Un’intera famiglia in ospedale per colpa del monossido di carbonio, il gas letale che si sviluppa dalla combustione all’interno di stufe o bracieri: è successo a Vobarno, e fortunatamente tutti e cinque gli intossicati - madre, padre e tre figlie piccole - non sono gravi. L’incidente è avvenuto domenica sera nel capoluogo, in uno degli appartamenti delle recenti villette a schiera che si affacciano su via dei Ronchi. L’intera famiglia stava per andare a letto quando la più grande delle tre figlie, una 13enne, ha iniziato a stare male. Prima di perdere conoscenza è riuscita ad avvertire il padre, e proprio il suo allarme ha permesso ai genitori di capire cosa stava avvenendo, consentendo alla madre di chiamare immediatamente i soccorsi. Erano quasi le 23 quando in via Ronchi sono arrivate l’automedica da Gavardo e l’ambulanza dell’Anc di Roè Volciano, oltre ai vigili del fuoco da Salò, e tutti gli occupanti dell’appartamento sono stati portati al Pronto soccorso dell’ospedale di Gavardo per intossicazione da monossido di carbonio. Stando ai rilievi dei vigili del fuoco, sembra che a causare il guaio sia stato il malfunzionamento di un caminetto dell’appartamento. •