Il presunto teatro del crimine cristallizzato dalle fotografie

Il cancello chiuso prima dei rilievi
Il cancello chiuso prima dei rilievi
M.P. 17.09.2019

Il silenzio, in vicolo Tresanda è interrotto dagli scatti delle fotografie con cui i carabinieri «fissano» i rilievi nel cortiletto. Al piano terra si nota l’avviso della procura, apposto su una porta d’ingresso, con cui si rende noto che il locale è sotto sequestro. COME SEMPRE in questi casi l’attrezzatura della Sis è parecchia. E parecchie sono anche le ore in cui i carabinieri sono rimasti all’interno dell’abitazione. Con loro, anche il legale di Giancarlo Bresciani, l’unica persona indagata per la morte di Jessica Mantovani. Il fatto che ieri i carabinieri siano rimasti parecchio nell’abitazione di vicolo Tresanda significa che i rilievi da compiere sono stati parecchi. Ora però bisognerà attendere per conoscere l’apporto di quanto rilevato. Un’eventuale traccia biologica assume un’importanza più o meno rilevante a seconda del luogo in cui è stata repertata. C’è poi, sempre eventualmente, l’aspetto quantitativo. I CARABINIERI della Scientifica di Brescia hanno posizionato ieri gli indicatori dei punti in cui operare anche all’esterno dell’abitazione. In sostanza non si vuole lasciare nulla al caso in una vicenda che si sta rivelando molto più complessa rispetto alla fase iniziale. Le prossime ore potrebbero essere quelle in cui vengono fornite, dagli elementi repertati, indicazioni utili alle indagini. Tutto ciò in una fase embrionale dell’inchiesta. © RIPRODUZIONE RISERVATA

1 2 3 4 5 6 >