Bici nella neve, il Tonale è per ogni stagione

Tre istruttori della scuola di fat bike del Tonale
Tre istruttori della scuola di fat bike del Tonale
Lino Febbrari 06.03.2019

Pedalare in sella a una bicicletta un po’ particolare a fianco degli sciatori. Percorrere senza troppa fatica (molti esemplari sono forniti di motorino elettrico) sentieri innevati che si snodano nelle fitte abetaie e nelle praterie d’alta quota. Partecipare a facili escursioni in gruppo con una guida alla scoperta di panorami spettacolari. Infine, buttarsi a rotta di collo lungo il tracciato (pure questo innevato) utilizzato d’estate per la pratica del downhill. Tutto ciò è possibile da qualche anno nel demanio sciabile dell’alta valle grazie alle fat bike: le due ruote con un telaio simile a quello delle sorelle minori mtb, ma dotate di cerchioni e copertoni più larghi del normale studiati per non affondare nel manto nevoso (e in sabbia e fango). PREMESSO che da Edolo al Tonale sono più di 500 i chilometri di tracciati riservati alle bici da fuoristrada che gli appassionati possono fruire durante la bella stagione, i più sfegatati possono coltivare la loro passione anche d’inverno grazie, appunto, alle fat bike, alle guide e agli istruttori delle scuole bike. «È un mercato che da qualche anno si sta espandendo - spiega Aldo Bordati, consulente del Consorzio Pontedilegno Tonale - e che siamo riusciti a sviluppare notevolmente in quest’area con la collaborazione delle società degli impianti, che ci danno la possibilità di effettuare escursioni in totale sicurezza per vari livelli di difficoltà». Per promuovere questa pratica, qualche anno fa il Consorzio si è legato alla «Winter downhill», l’unica gara di discesa fatta sulla neve in Italia: la sesta edizione è in calendario per sabato, con un prologo nella giornata precedente, quando tutti gli iscritti alla competizione, gli ospiti della stazione e i residenti potranno prendere parte gratis a una passeggiata con le guide. IL PROGRAMMA di sabato prevede alle 15 l’«avalanche», in pratica una partenza in linea di tutti gli iscritti che si sfideranno lungo i circa tre chilometri del bike park Valbiolo: i primi trenta a tagliare il traguardo si qualificheranno per la prova successiva cronometrata che designerà il vincitore dell’edizione 2019. L’evento in cartellone per questo fine settimana sancirà poi il patto di collaborazione ciclistica stipulato tra la Val di Sole e il Consorzio Pontedilegno Tonale per la Coppa del mondo downhill e cross country in programma dal 2 al 4 agosto in Trentino, e per il Mondiale di bike trial di Vermiglio dal 23 al 25 agosto. «Questi due appuntamenti sono di livello internazionale e rappresenteranno il fiore all’occhiello della nostra attività estiva 2019 - conclude Bordati -, che anche quest’anno comprenderà i Bike days (19-21 luglio) con all’interno la Gavia bike race, e la novità Pedala e Gusta (fissata dal cartellone per sabato 20 luglio): una nuova pedalata enogastronomica riservata alle famiglie, per esplorare il territorio in un modo diverso e conoscere i nostri prodotti». Insomma: tra conferme e novità per il turismo familiare, questo comprensorio sta attuando con convinzione una destagionalizzazione sempre all’insegna dello sport e del divertimentoa basso impatto. •