Incentivi ai negozi «soffocati» dall’invasione dei mega store

L’amministrazione intende dare ossigeno a tutto il sistema
L’amministrazione intende dare ossigeno a tutto il sistema
Luciano Ranzanici 21.09.2019

Il commercio del centro storico brenese da diverso tempo si sta caratterizzando per la quasi sintonica apertura e chiusura di varie attività, dovendo anche far fronte alla prevedibile concorrenza dei tre supermercati che operano in via Leonardo da Vinci ed in proiezione di un ulteriore punto vendita che potrebbe aprire i battenti. Se l’ex sindaco Sandro Farisoglio aveva avuto l’intuizione di emettere un bando del commercio per finanziare parzialmente il canone d’affitto delle attività penalizzate dai lavori di sistemazione di Piazza Ronchi, l’attuale primo cittadino Alessandro Panteghini ha deciso di indirne uno per quella nuove, anche di tipo artigianale, attraverso la concessione di contributi mirati all’apertura di nuovi esercizi di vicinato. L’AMMINISTRAZIONE comunale intende così favorire e migliorare l’accoglienza e l’attrattività dell’offerta commerciale con nuove aperture d’esercizi, finanziandole fino ad un massimo del 50% delle spese ammissibili sostenute e comunque per un importo complessivo di 15mila euro. Il commercio brenese si trova in una situazione di sofferenza, tanto che l’iniziativa comunale potrebbe rappresentare uno stimolo per coloro che intendessero avviare un’attività nella cittadina. Il bando è riservato ai proprietari o locatari d’immobili delle categorie catastali C1 ( negozi e botteghe) e C3 ( laboratorio per arti e mestieri) che con il contributo intendessero prioritariamente ristrutturare o riqualificare i loro locali prima di insediare un nuovo esercizio di vicinato. GLI INTERESSATI al bando avranno l’obbligo di eseguire gli interventi strutturali entro 120 giorni dal ricevimento della comunicazione di concessione del contributo ma in precedenza sarà la Commissione paesaggistica del Comune ad esprimere il proprio parere sull’ammissibilità dei progetti. Il bando, che si inserisce nel Progetto Sperimentale di Valorizzazione Commerciale e Gestione condivisa, scadrà il prossimo 10 ottobre e chi fosse interessato ad avviare una nuova attività dovrà presentare domanda di contributo entro le ore 12 di questa data all’Ufficio Protocollo del Comune di Breno. Un’ulteriore agevolazione? Il titolare del futuro negozio sarà esentato per un anno dal pagamento della tassa sull’acqua e dalla tariffa base. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

1 2 3 4 5 6 >