Via Leonardo aspetta ancora la sua rotonda

L.RAN.28.02.2019

Lo scorso settembre il sindaco di Breno Sandro Farisoglio e l’allora presidente della Provincia Pier Luigi Mottinelli firmarono un accordo di programma per la realizzazione dell’attesa e sempre più indispensabile rotatoria di via Leonardo da Vinci, all’incrocio tra la Statale 42 e la Provinciale. I due enti si impegnarono a coprire la spesa di 330.000 euro: 170.000 li mise a disposizione il Comune, 160.000 la Provincia. Lavori di somma urgenza, si disse, per un intervento necessario. Da allora però di ruspe e operai nemmeno l’ombra. Eppure della rotatoria c’è davvero un gran bisogno. A maggior ragione da quando, lo scorso dicembre, in via Leonardo da Vinci sì è trasferito da piazza Vittoria il supermercato Iperal. Senza dimenticare che prima dell’estate verrà aperto proprio di fronte al Lidl un punto vendita della multinazionale tedesca Aldi. PREVEDIBILE insomma che il già intenso traffico sia destinato ad aumentare. Attualmente, oltre allo svincolo che indirizza i veicoli in direzione alta e bassa valle, sono percorribili l’accesso e l’uscita di Iperal e Lidl. Ma per raggiungere Edolo dall’uscita della superstrada i mezzi devono proseguire per 900 metri verso Breno, impegnare la rotonda all’altezza della zona artigianale di Onera, cambiare direzione e poi proseguire in direzione nord. I tempi di attesa per la rotonda? Il Comune di Breno ha approvato nei giorni scorsi il progetto definitivo redatto dall’ingegner Emilio Antonioli, per l’importo confermato di 330.000 euro. In tempi brevi, forse, il via ai lavori. Anche se (in attesa del necessario placet dell’Anas) il condizionale resta d’obbligo. La costruzione della rotatoria (la parte a lato dell’Iperal è ben visibile essendo in pratica già stata tracciata a ridosso del parcheggio del punto vendita), alla quale partecipano anche alcune attività commerciali di via Leonardo, comporterà finalmente l’abbattimento della cabina elettrica dell’Enel. La malconcia struttura, che per anni è servita come alibi di comodo per evitare di intervenire, è stata sistemata alla bisogna e riverniciata e sarà un privato a farsi carico della sua ricostruzione. •