Sport, Borno rompe gli schemi e unisce ruote grasse e podismo

Una istantanea della Monte Altissimo sky bike di Borno
Una istantanea della Monte Altissimo sky bike di Borno
13.02.2019

Il territorio dell’Altopiano del Sole si fa sempre più appetibile per lo sport e gli sportivi. Bello e sempre più fruibile grazie ai nuovi servizi attivi tutto l’anno, si sta dimostrando il terreno ideale non più solo per sciatori e amanti della montagna, ma anche per bikers e runner grazie a una proposta che si è decisamente allargata. Un cambio che può essere parzialmente riassunto nel caso della «Monte Altissimo Sky bike»: un evento l’anno scorso all’anno zero che quest’anno raddoppierà. La manifestazione non sarà più aperta solo agli amanti della mountain bike, ma recluterà anche gli appassionati della corsa in montagna: nella stessa data, il 30 giugno, e lungo lo stesso tracciato, dal parco Adventureland alla cima del monte Altissimo. «Tutto l’Altopiano è fantastico - commenta Matteo Pedrazzani, presidente del team Emporiosport -, sia per il turista, sia soprattutto per lo sportivo che ama muoversi in natura. Credo che il ciclismo, così come altri sport, si possa vivere al meglio su questo territorio». Così per il 2019 la gara di mountain bike raddoppierà e «la cronoscalata verso questa bellissima balconata sulla bassa valle diventerà anche per la corsa in montagna». La gara di mtb sarà valida come campionato nazionale Acsi e assegnerà le maglie tricolori di specialità. Quella di corsa invece sarà affidata all’organizzazione della Corrintime che allarga i suoi orizzonti dopo l’ormai consolidata Io21zero97. «Saranno undici chilometri di percorso con 900 metri di dislivello positivo - anticipa Walter Bassi, presidente di Corrintime -, e si potrà partecipare singolarmente o a coppie seguendo le categorie Fidal. Certo una nuova sfida per noi che siamo nuovi nella corsa in montagna, anche se abbiamo atleti che hanno fatto la storia della disciplina e che speriamo siano ai nastri di partenza». LA FASE organizzativa è già stata avviata, sempre con l’obiettivo non secondario di promuovere il territorio attraverso lo sport. Un’idea che piace sempre più agli amministratori chiamati negli ultimi anni a immaginare un nuovo turismo, e alla società funivia che smesse le vesti invernali punta a bissare la stagione verde dello scorso anno con nuove proposte. «Per la gara di mountain bike - chiude Pedrazzani - posso anticipare che sarà inserita nel circuito Tremenda voglia di mountain bike, che copre un territorio che va da Verona fino a Brescia e Bergamo e che punterà a catturare l’attenzione di nuovi biker». Ciclisti che saranno chiamati anche alla gara di punta: la settima Vallecamonica bike enjoy del 7 luglio. •