Albo dei volontari, ora ci siamo

I volontari si occuperanno anche del verde pubblico e dei parchi
I volontari si occuperanno anche del verde pubblico e dei parchi
C.VEN.17.11.2018

Un regolamento comunale per istituire il volontariato civico per la cura dei beni comuni. È stato approvato in Consiglio comunale a Borno per incentivare forme di cooperazione attiva tra la popolazione, chiamata a rafforzare il rapporto di fiducia tra i cittadini e le istituzioni. Ne nascerà un albo al quale possono iscriversi tutti i residenti purché abbiano compiuto i 18 anni e che vogliono fare del bene per il proprio paese. «Ad esempio occupandosi della manutenzione, dello sfalcio e della pulizia delle aree verdi, dei parchi e delle aiuole - spiega Leone Galbardi, capogruppo di maggioranza - della pulizia di strade, piazze e marciapiedi, ma anche di lavori di piccola manutenzione ordinaria, o di sorvegliare i bambini all’entrata e all’uscita dalle scuole. Tanti modi per aiutare, in un momento ancora difficile per le finanze dei piccoli comuni». Il senso è «fare qualcosa per il proprio paese», senza per forza riconoscerci nelle associazioni che ci sono e «che già fanno tantissimo». Il regolamento approvato dovrà essere sottoscritto da ogni volontario; il Comune da parte sua «metterà a disposizione, laddove necessario, mezzi e attrezzature per lo svolgimento dei compiti, strumentazioni per rispettare le disposizioni di legge in materia di sicurezza sul lavoro e l’assicurazione per la responsabilità civile verso terzi connessa allo svolgimento dell’attività». Si tratta di una sperimentazione che avrà la durata di due anni. «Speriamo che in molti - chiude Galbardi - prendano questo come un invito. Un invito ad avere cura del proprio territorio e a presentarlo sempre più bello a chi ci viene a trovare. Sarebbe bello pensarci tutti come una squadra e dimostrarlo». •