Aggrediscono due
commessi per rubare
un paio di scarponi

I due sono stati arrestati e il provvedimento è stato convalidato
I due sono stati arrestati e il provvedimento è stato convalidato
20.11.2019

Hanno arraffato una scarpa per uno e se la sono messa sotto il giubbotto. Credevano di averla fatta franca, ma lo strano «rigonfiamento» sotto l’indumento usato come nascondiglio ha incuriosito i commessi del esercizio commerciale di Chiari che avevano preso di mira. Sono così finiti nei guai due tunisini, 39 anni il più grande mentre ne ha soli 17 il più piccolo, bloccati nelle scorse ora dai carabinieri della stazione di Chiari intervenuti dopo essere stati allertati direttamente dal negozio.


I DUE MALVIVENTI nordafricani erano arrivati nel negozio intorno alle 11 del mattino. Dopo avere girato un po’ per gli scaffali, la coppia di tunisini ha puntato un paio di scarpe da lavoro dal valore di circa 80 euro. I due si sono divisi il bottino e hanno cercato di guadagnare l’uscita. I loro movimenti non sono però passati inosservati. Due commessi, un uomo e una donna entrambi di 39 anni, hanno fermato i due tunisini per vedere cosa nascondevano sotto il giubbotto. Per tutta risposta i due malviventi nordafricani si sono avventati contro i due commessi aggredendoli. I dipendenti sono stati spintonati e sono finiti rovinosamente a terra. I banditi se ne sono andati mentre i due commessi sono stati soccorsi. La fuga dei malviventi è durata soltanto una manciata di metri. I carabinieri li hanno individuato mentre si aggiravano nei pressi del negozio. Con sé avevano ancora il paio di scarpe portato via dal negozio.


ENTRAMBI sono stati arrestati con l’accusa di rapina. Il giudice ha convalidato l’arresto: per il maggiorenne è stato disposto l’obbligo di firma, il minorenne è stato invece collocato ai domiciliari in una comunità.