I soffitti si
sbriciolano, allarme
nelle scuole

La scuola materna «Rodari» teatro della caduta dei calcinacci
La scuola materna «Rodari» teatro della caduta dei calcinacci
Alessandro Gatta 16.10.2019

Grande spavento per i bimbi di 4 anni e per le maestre della materna «Rodari» di via Tobruch, alle Grezze di Desenzano. Lunedì mattina dal soffitto di un’aula si è staccato un pezzo di intonaco, oltre che a parti del fondello di una pignatta, un manufatto di rinforzo dei solai. Tutto sarebbe legato alla rottura di un fondello di rivestimento, forse macerato da umidità e infiltrazioni. NESSUNO si è fatto male, per fortuna: i bambini erano impegnati in un’attività didattica collettiva dall’altra parte della classe. E i calcinacci sono caduti in un’area molto circoscritta. Comunque sia, l’episodio ha mandato in fibrillazione i genitori dei bambini comprensibilmente preoccupati. Nel giro di poche ore il Comune ha schierato tecnici e operai per sistemare in via definitiva il soffitto in parte crollato. È stato avviato anche un monitoraggio di altre situazioni a rischio, in tutta la struttura scolastica: i controlli proseguiranno almeno fino a venerdì, senza per questo interrompere o modificare le attività scolastiche quotidiane. «Purtroppo può capitare – ammette il sindaco Guido Malinverno -: anche se la Rodari è una scuola di recente costruzione, che ha meno di 20 anni. Ci conforta che non si siano registrati danni dal punto di vista strutturale: è un episodio di sfondellamento con distacco d’intonaco, fenomeno comune per questo tipo di edilizia. Sistemato il danno, abbiamo cominciato a controllare tutta la struttura, in particolare dove si avevano dei dubbi sul rischio di altri scollamenti: avremo modo di intervenire ovunque ci sia bisogno». NESSUN campanello d’allarme insomma, «ma a questo punto programmeremo dei controlli mirati in tutte le scuole della città, da ripetere periodicamente durante il periodo delle vacanze estive, nelle vacanze di Natale e di Pasqua», conclude il sindaco. Alla materna Rodari si contano circa 170 iscritti: nessuna ripercussione sulle attività della scuola. Sono entrati tutti a scuola anche gli oltre 1400 studenti dell’Iis «Falcone» di Palazzolo, dove tra sabato e lunedì è caduta la parte di intonaco che copriva lo spazio tra la trave e la soletta del primo piano, all’imbocco delle scale. Altro episodio recente, e forse ancora più pericoloso, un paio di settimane fa alle scuole elementari di Polaveno: durante una lezione nella classe di quarta, era ceduto il cardine di una finestra, provocandone il distacco della parete. Le due bambine sfiorate dalla caduta erano state accompagnate in ospedale per accertamenti. Tre indizi non fanno una prova, ma gli episodi invitano tutti a tenere alta l’attenzione sullo stato di salute degli edifici scolastici. •

1 2 3 4 5 6 >