Un’estate di cantieri per cambiare il centro

I lavori in corso nel centro di Mazzano
I lavori in corso nel centro di Mazzano
C.C. 19.08.2019

La riqualificazione della zona antistante la parrocchiale di Mazzano? A opere finite costerà un milione e 650 mila euro, ma il lifting attorno al tempio dedicato ai santi Zeno e Rocco non peserà sul Comune, perché sarà interamente a carico dell’Italcementi. I lavori sono arrivati a interessare proprio il sagrato della chiesa, dopo che si è intervenuti - ricorda l’assessore ai Lavori pubblici Isabella Marchesini - sul fabbricato antistante, fino a un anno fa pericolante e inutilizzato. Nel 2010 l’amministrazione dell’allora sindaco Maurizio Franzoni aveva acquistato il rudere con l’intenzione di risanarlo e metterlo a disposizione della comunità. Ora l’edificio, due piani fuori terra e un passato agricolo, fa da fondale al monumento ai Caduti posato nel 1919, uno dei primi della provincia. ALL’INTERNO sono state ricavate una sala conferenze e quattro aule: il necessario per un futuro di spazio aggregativo e culturale aperto anche alle associazioni che operano sul territorio. Tornando al cantiere, dopo il via libera della Sovrintendenza ai beni architettonici, l’impresa incaricata ha iniziato a lavorare al sagrato, che sarà pavimentato in pietra. Addio asfalto, insomma. Anche perché l’area antistante la parrocchiale sarà soggetta a limitazioni del transito in modo da preservarne l’arredo urbano a lungo. Uniche esenzioni per i residenti e per le funzioni religiose. Il Comune ha anche deciso di estendere la pavimentazione in pietra pure alla base del monumento ai Caduti, dal retro del quale si potrà accedere al cortile dell’edificio recuperato. Il progetto è stato stilato dall’ingegner Eugenio Pezzola col supporto del Politecnico di Milano, mentre i lavori sono stati affidati al Consorzio Edili Veneti, alla Serma costruzioni srl e alla Mauro Vita per la parte relativa ai restauri. •

1 2 3 4 5 6 >