Navigarda, un nuovo battello per il record

Il modellino della nuova motonave in cantiere, quasi gemella della «Baldo»:  potrà portare 350 persone La motonave Baldo, del 2014, è oggi la più giovane della flotta
Il modellino della nuova motonave in cantiere, quasi gemella della «Baldo»: potrà portare 350 persone La motonave Baldo, del 2014, è oggi la più giovane della flotta
Luciano Scarpetta24.10.2017

In previsione di numeri sempre più in crescita, oltre i 2 milioni e mezzo di passeggeri all’anno, la flotta di Navigarda si prepara ad accogliere una «new entry» nella sua flotta di navi di linea.

Il nome non è ancora stato deciso ma per quanto riguarda il resto, il direttore generale di Navigarda, Franze Piunti, non si sottrae alla curiosità generale, togliendo anticipatamente il velo alla «creatura» in arrivo: «Sarà pronta entro il prossimo anno - spiega - ma entrerà nella disponibilità della flotta di Navigarda con l’inizio della stagione 2019». Non sarà un catamarano, ma una funzionale e moderna motonave, quasi gemella della «Baldo» inaugurata nel 2014.

LA NUOVA NAVE da medio impiego è in questi mesi in fase di allestimento nel cantiere di Peschiera. Qui stanno infatti arrivando i blocchi preparati in precedenza dai Cantieri Navali di Chioggia: «Sarà una nave classica - spiega il direttore - una piccola “Baldo” con un ponte principale e dotata di molti posti esterni per consentire di ammirare al meglio paesaggi e panorami della costa benacense».

Nei numeri si tratta di una unità di navigazione di 35 metri di lunghezza per 7.80 metri di larghezza capace di ospitare a bordo 350 passeggeri.

DI NUOVO e di diverso avrà una particolare attenzione alla capacità di trasporto delle bicicletta, un segmento in crescita come spiega l’articolo a fianco, con il superamento delle 50 mila bicicletta trasportate in un anno sulle navi di linea: il nuovo battello avrà spazi e attrezzature appositamente dedicate alle esigenze dei bikers.

«Sarà inoltre dotata di motore a doppia parata ed elica trasversale - conclude il direttore di Navigarda, Franze Piunti - con aria condizionata negli ambienti interni».

In questi mesi invernali, alcune delle navi saranno intanto ricoverate nel cantiere di Peschiera per l’inevitabile manutenzione d’ordinanza.

Sotto i ferri andrà anche lo storico piroscafo Zanardelli, costruito nel 1903 dalla ditta Escher Wiss di Zurigo. Nel 2002 l’ultima manutenzione: «I restauri delle prossime settimane - spiega infine il direttore Franze Piunti - consentiranno di acquistare ancora più fascino a una delle nostre motonavi più romantiche».

1 2 3 4 5 6 >