Il torrente diventa la «nursery» delle trote a rischio estinzione

Lo sbocca del torrente San Martino nella frazione di Campione
Lo sbocca del torrente San Martino nella frazione di Campione
Luciano Scarpetta 09.11.2019

Dopo il recupero degli alvei del fiume Toscolano, sono in arrivo altri corridoi ecologici per la riproduzione della trota lacustre. Se tutto va come dovrebbe andare il prossimo torrente alto gardesano nel quale si ripeterà il consolidamento delle sponde creando habitat idonei per la fauna ittica, sarà il San Michele di Campione, corso d’acqua che dall’altopiano di Tremosine sfocia sul delta dell’unica frazione a lago del Comune. Il condizionale è d’obbligo: bisogna aspettare buone notizie dagli esiti del bando regionale partecipato dalla Comunità Parco in collaborazione con UPBS. Non è rimasto quindi isolato il primo positivo esperimento del recupero del corridoio ecologico del torrente Toscolano, realizzato dalla Provincia, il Comune di Toscolano e la Comunità Montana in collaborazione con l’associazione locale APS La Fario. IL PROGETTO si è sviluppato dal 1 gennaio 2016 al 31 dicembre 2017 ed è stato finanziato da Fondazione Cariplo con 250mila euro a fondo perduto. Eliminati gli elementi di «discontinuità fisica» del corso d’acqua dalla foce fino all’altezza del Municipio, ora le «sirene mute» hanno ritrovato le condizioni idonee alla riproduzione. Proprio all’APS La Fario verranno donati parte dei proventi della vendita delle felpe ideate da ReUnion KiteAcademy di Campione disponibili nel negozio in paese e anche in centro a Salò nel nuovo negozio Corda doppia. «Sembra (all’apparenza) strano che a idearle sia stata un’associazione sportiva – spiega il presidente Roberto Chiari dal suo negozio in centro al paese – ma è semplicemente anche questo un modo per ricondurre la nostra pratica sportiva alle eccellenze del Parco. Su queste tematiche siamo in perfetta sintonia con l’associazione di Toscolano della APS La Fario: è un piccolo gesto per contribuire a non disperdere il patrimonio ecologico del nostro lago». Ma c’è di più: ReUnion KiteAcademy Campione ha dato anche la disponibilità per collaborare con gli attuatori del progetto nei mesi invernali, vista la pausa dell’attività sportiva, monitorando a lavori finiti la risalita delle trote dal torrente. Dopo aver fornito per secoli energia alle fucine e al cotonificio, il San Michele quindi tornerebbe a esercitare un eccezionale valenza ecologica con la riproduzione delle trote, grazie alle sue interconnesioni con il lago di Garda. •

1 2 3 4 5 6 >