Sant’Eufemia e
Sanpolino stazioni
chiuse due mesi

Lavori al cavalcavia sulla ferrovia Milano - Venezia bloccano per un mese via Serenissima FOTOLIVEPer due mesi chiudono le stazioni Sant’Eufemia e Sanpolino
Lavori al cavalcavia sulla ferrovia Milano - Venezia bloccano per un mese via Serenissima FOTOLIVEPer due mesi chiudono le stazioni Sant’Eufemia e Sanpolino
Mimmo Varone30.06.2020

La metro chiude per due mesi le stazioni di Sant'Eufemia-Buffalora e Sanpolino. Lavori al cavalcavia sulla ferrovia Milano-Venezia bloccano per un mese via Serenissima. Per la mobilità del sud-est cittadino non sarà un'estate facile. Ma si tratta di due cantieri non rinviabili, e si coglie la duplice opportunità del Covid-19 e della città vuota per ferie. Per la parte in viadotto della linea metro è arrivato il tempo della manutenzione straordinaria all'armamento ferroviario. Tutto il tratto a partire da appena dopo San Polo Cimabue fino al capolinea di Sant'Eufemia sarà inagibile da domani fino al 31 agosto per due mesi interi. In mezzo ci sono due stazioni che restano off limits. Per bypassarle verrà attivato un sistema di navette a cui bisognerà abituarsi. Chi si trova al capolinea est potrà utilizzare un servizio bus sostitutivo fino alla stazione Poliambulanza, senza fermate intermedie. Chi si trova a Sanpolino può servirsi del bus della linea 9 con fermata in corso Bazoli nei pressi della stazione metro. E potrà raggiungere la Stazione ferroviaria con la linea 3, che viene deviata, ferma in via Merisi e permette anche di raggiungere Rezzato con fermata in via degli Alpini ANCORA, DALLA Poliambulanza il servizio sarà regolare fino al Prealpino, in direzione opposta si potrà prendere il bus sostitutivo che porta al capolinea metro di Sant'Eufemia senza fermate, oppore un treno navetta che arriva fino a San Polo Cimabue (con fermata anche a San Polo Parco), utilizzando la banchina 1 tanto per la salita che per la discesa. Il treno navetta si è reso necessario perchè nelle stazioni intermedie da Poliambulanza in avanti verso est non ci sono scambi sui binari. Infine, da tutte le altre stazioni sarà possibile raggiungere Poliambulanza e da lì San Polo Cimabue con il treno navetta o Sant'Eufemia-Buffalora con il bus sostitutivo. Tutto questo sarà in funzione per entrambi i mesi di luglio e agosto, e un sistema di segnaletica darà tutte le indicazioni necessarie. «Per il sud-est della città sarà un'estate non banale», ammette l'assessore alla Mobilità Federico Manzoni, che ieri ha presentato i lavori insieme al collega ai Lavori pubblici Valter Muchetti e al direttore generale di Brescia Mobilità Marco Medeghini. IL QUALE assicura che la frequenza delle navette sarà di 10 minuti, esattamente come i treni della metro, e consiglia di utilizzare il parcheggio scambiatore di Poliambulanza (gratuito), che soprattutto di questi tempi ha capienza sufficiente. Può essere comodo anche per chi viene da est e vuole raggiungere il centro senza salire sul bus sostitutivo. Quanto a via Serenissima, il problema - spiega Muchetti - è dato dal sovrappasso sulla ferrovia, al quale si lavora per il ripristino dei copriferro e del calcestruzzo ammalorato. Il ponte, di competenza della Loggia, da tempo è vietato ai mezzi pesanti attraverso new jersey di plastica installati sulla mezzeria per restringere le carreggiate. I 700 mila euro necessari per il ripristino sono stanziati da un anno e un accordo con Rfi ha stabilito che saranno gli stessi operai specializzati delle Ferrovie a gestire i lavori, partiti un mese fa nell'intradosso (la parte sottostante) lavorando solo di notte quando la circolazione dei treni è sospesa. Dal 13 luglio il cantiere invaderà anche la carreggiata (l'extradosso) e la Serenissima verrà chiusa in prossimità del ponte. Bisognerà fresare l'asfalto, coibentare il viadotto, installare i parapetti e posare il nuovo asfalto. Ci vorrà un mese, e «se sarà necessario qualche giorno in più - dice Muchetti -, sarà a cavallo di Ferragosto senza creare grossi problemi al traffico. Va precisato, in ogni caso, che tutte le attività presenti nell'area industriale della via saranno sempre raggiungibili da Buffalora e dalla tangenziale sud. Solo chi abita a Sant'Eufemia e deve raggiungere la tangenziale dovrà proseguire verso Rezzato e utilizzare il nuovo svincolo Rezzato/Botticino. Per i pedoni, invece, l'utilizzo del ponte sarà sempre possibile. Ma anche in questo caso una segnaletica ad hoc verrà installata nei prossimi giorni. • © RIPRODUZIONE RISERVATA