Manerba, brusco
stop alla passeggiata
a lago

La spiaggia di San Sivino, proprio di fronte al sito Unesco
La spiaggia di San Sivino, proprio di fronte al sito Unesco
Alessandro Gatta12.08.2020

Brusco stop per la passeggiata a lago tra Manerba e Moniga, la maxi-opera da 4 milioni di euro (suddivisa in due lotti e quattro stralci) che da qui al 2022 dovrebbe completare il collegamento fino a Padenghe, per circa 6 chilometri di camminamento sulla spiaggia: è proprio la Soprintendenza, in sede di Conferenza dei servizi, ad aver chiesto un ulteriore parere di merito addirittura all’Unesco, per risolvere le presunte criticità che riguardano il tratto di San Sivino che passa proprio davanti al sito palafitticolo che è Patrimonio dell’umanità dal 2011. Il primo stralcio del lotto di Manerba, tra Dusano e appunto San Sivino, secondo il Piano delle opere dell’Autorità di Bacino (che si occuperà dei lavori) sarebbe dovuto partire già il prossimo autunno, con tanto di progetto definitivo pronto all’uso: ma l’esito del nuovo parere difficilmente arriverà in tempo utile per programmare il cantiere una volta finita la stagione estiva, dunque il rischio concreto è che tutto sia rimandato di un anno. Sul tema la minoranza di Civica Minerva va all’attacco: «Stiamo parlando di un’opera fondamentale per il rilancio del turismo, soprattutto adesso che siamo appena usciti dall’emergenza sanitaria – fa sapere il consigliere Cristian Boselli – e che non ha segno politico. Non condividiamo le motivazioni del diniego della Soprintendenza, e per questo chiediamo al sindaco e alla giunta di impugnare questa decisione». Il primo cittadino smentisce le voci di una «bocciatura» del progetto: «Non è un parere negativo, ma la richiesta di un approfondimento in merito alla tutela del sito palafitticolo Unesco – spiega Flaviano Mattiotti –. Crediamo che il modo più corretto per ottenere l’approvazione del progetto sia attraverso una procedura che preveda i dovuti approfondimenti e le integrazioni del caso, in sinergia con tutte le istituzioni. L’idea di creare una situazione di scontro frontale con la Soprintendenza sarebbe fuori luogo e controproducente. Come amministrazione comunale crediamo in questa infrastruttura, e troveremo le vie giuste per arricchire con essa il nostro territorio, valorizzando una stupenda porzione del nostro litorale, fino ad oggi poco conosciuta e poco accessibile». Il primo lotto da Manerba al confine con Moniga, passando per San Sivino, ad oggi potrebbe costare 1,716 milioni suddiviso in due stralci (il primo da 933mila euro, il secondo da 783mila): si prevede in parte un camminamento sospeso sull’acqua largo circa 2 metri e mezzo, e in parte direttamente sul litorale. La passeggiata proseguirà poi da Moniga fino al tratto esistente (che arriva già fino a Padenghe): a causa di alcuni tratti complicati, per poco più di 1,5 chilometri serviranno ben 2,5 milioni. •