Interviene nella lite
coniugale: 39enne
aggredito col pugnale

La Polizia di Stato   ha subito arrestato il bresciano violento che aveva aggredito i suoi vicini di casa
La Polizia di Stato ha subito arrestato il bresciano violento che aveva aggredito i suoi vicini di casa
Paolo Cittadini25.06.2020

Ha bussato alla porta del vicino per chiedergli di abbassare la voce e smettere di litigare con la moglie e per tutta risposta ha rischiato di ricevere una pugnalata in pieno petto. È riuscito a parare il colpo con una mano e questo con ogni probabilità gli ha salvato la vita. Lui, un albanese di 39 anni, ha riportato solo qualche ferita, il suo aggressore è invece finito in carcere. In manette, con l’accusa di tentato omicidio, è finito un 51enne bresciano che vive con la moglie nel quartiere Perlasca. Nelle prossime ore l'uomo comparirà davanti al gip per la convalida. Per lui il pm Antonio Bassolino ha chiesto la convalida e la misura della custodia in carcere. LA LITE condominiale che avrebbe potuto avere esiti ben peggiori è scoppiata martedì sera. Il 51enne stava litigando furiosamente con la compagna e questo avrebbe dato fastidio al vicino che ha raggiunto il loro appartamento per chiedere quantomeno di abbassare la voce. L'intervento del vicino ha sì fatto finire l'alterco tra i coniugi ma ha dato vita ad un'altra lite. Protagonisti il 51enne, la moglie e il vicino. La donna ha preso a male parole l'uomo che aveva chiesto di far tornare la calma, quindi a darle manforte ci ha pensato il marito. Il cinquantunenne bresciano per un attimo è uscito di scena salvo farci ritorno dopo poco e le sue intenzioni non erano assolutamente pacifiche. In mano aveva un pugnale (lungo una ventina di centimetri e largo poco meno di cinque) e ha provato ad affondarlo nel petto del suo vicino. La stilettata non è andata a segno. Il vicino albanese ha infatti avuto la prontezza di bloccare la lama con la mano destra (ha riportato una lesione che poi è stata suturata) evitando che potesse affondare nel torace. Ad aiutarlo nella difesa è intervenuto anche il suo coinquilino, un albanese trentaduenne, che ha provato a bloccare il 51enne bresciano prendendolo per le braccia da dietro. Ne è nata una colluttazione in cui il più giovane dei due è rimasto ferito a una caviglia. Le urla, gli insulti e il trambusto hanno spinto altri condomini ad avvertire le forze dell'ordine che hanno trovato il 51enne nella sua abitazione, mentre il coltello utilizzato per l'aggressione era nell'appartamento dei due uomini rimasti feriti. Il 51enne è stato arrestato. Dopo avere raccolto il racconto dei due feriti (medicati) i poliziotti hanno trasferito il 51enne in carcere. Nelle prossime ore sarà sentito dal gip Christian Colombo per l'interrogatorio di convalida. •