Cento valvole
per respiratori
da Bari a Brescia

Alessio Lorusso ceo della Roboze di Bari
Alessio Lorusso ceo della Roboze di Bari
25.03.2020

L’azienda barese Roboze ha deciso di produrre gratuitamente con le sue stampanti 3D le valvole per i respiratori utili alla terapia per i malati di Covid-19. Le prime sono destinate a Brescia. In pochissime ore, dopo la richiesta di aiuto arrivata da alcuni ospedali italiani, lo stabilimento di Bari si è messo all'opera per la produzione di centinaia di valvole con materiali polimerici ad alte prestazioni, quelli utilizzati finora in settori come l’aerospaziale. Le prime 100 valvole commissionate dall’azienda Isinnova saranno appunto destinate alla Protezione civile di Brescia.

Le prossime andranno all’ospedale Vito Fazzi di Lecce e negli Stati Uniti. «Non potevamo rimanere a guardare. Sono orgoglioso di poter reindirizzare le nostre risorse a sostegno di chi ne ha bisogno e contribuire ad aiutare chi oggi non esita di mettersi in prima linea per combattere questo mostro invisibile, gli operatori sanitari e gli ospedali» spiega il ceo Alessio Lorusso. «Oggi più che mai il genio italiano si unisce per il bene dell’Italia e del mondo» continua Lorusso, che di dice «a disposizione del Paese» e pronto a «fornire gratuitamente» le proprie «competenze, tecnologie e componenti per fronteggiare l’emergenza nazionale».

Saranno utilizzate più di venti stampanti 3D.