Cadavere di donna in acqua, giallo a Montisola

Il cadavere della donna è stato recuperato dai vigili del fuoco
Il cadavere della donna è stato recuperato dai vigili del fuoco
Giuseppe Spatola 19.01.2020

È giallo sul lago d'Iseo dove nella serata di ieri è stato ripescato e portato a riva il cadavere di una donna presumibilmente di circa 40 anni. Il ritrovamento è avvenuto a Carzano di Montisola, paese sulla sponda bresciana del lago. Secondo quanto potuto accertare dai carabinieri di Chiari, chiamati ad intervenire verso le 19, il corpo sarebbe rimasto in acqua per diversi giorni. Un particolare che non ha aiutato a restringere le indagini e ad escludere piste investigative. I militari stanno cercando tra le donne scomparse negli ultimi giorni e fino a tarda sera di ieri non sono riusciti a dare una identità al cadavere portato agli Spedali Civili dove saranno eseguiti anche gli esami autoptici ordinati dalla Procura di Brescia. Sono stati alcuni passanti ad aver notato il corpo galleggiare a pochi metri dalla riva. Ogni ipotesi è al vaglio delle forze dell'ordine. Secondo quanto riferito dalle forze dell’ordine la donna indossava abiti sportivi. Il particolare potrebbe far ipotizzare una caduta accidentale in acqua mentre magari correva o faceva attività fisica sulle rive. Le ferite riscontrate sul cadavere sono compatibili con la caduta in acqua. I medici legali intervenuti sul posto avrebbero rilevato una ferita al volto e una seconda, molto profonda, sulla coscia che non si esclude possa essere anche post mortem. Sul caso la Procura di Brescia indaga senza escludere alcuna pista. L’identificazione del cadavere potrebbe richiedere giorni visto le condizioni in cui è stato ritrovato. Sicuramente il corpo si trovava in acqua da giorni. In questo senso i militari stanno studiando i fascicoli contenenti denuncia di scomparsa tra la provincia di Brescia e quella di Bergamo. Le correnti del lago, infatti, potrebbero aver trascinato il corpo lontano dal punto di caduta, trasportandolo anche per chilometri. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco con i Carabinieri della compagnia di Chiari, oltre al medico legale. DA UNA PRIMA ispezione cadaverica la donna, di carnagione chiara e di età apparente sui 40 anni, sarebbe rimasta in acqua per diversi giorni e il corpo sarebbe parzialmente decomposto. I passanti che hanno lanciato l’allarme sono stati sentiti dai carabinieri che già in serata hanno avviato le indagini per iniziare a dare un nome alla vittima e cercare di arrivare presto alla soluzione del giallo di Montisola. • Giuseppe.spatola@bresciaoggi.it