Ridotto in
coma da
una spinta

L’ospedale di Pisa dove è ricoverato l’imprenditore di 77 anni
L’ospedale di Pisa dove è ricoverato l’imprenditore di 77 anni
V.MOR.11.09.2019

Follia in autostrada. Lungo la A11, all'altezza di Pisa, due coppie di amici che stavano rientrando dalle vacanze in Versilia sono stati aggredite al culmine di una lite per futili motivi di viabilità. A pagarne le conseguenze un imprenditore 77enne di Montichiari, ma residente a Castiglione ridotto in coma da una spinta, mentre in un’area di servizio cercava di sedare la discussione tra un amico e il conducente di un suv. Tutto è iniziato nelle corsie autostradali, quando per un semplice sorpasso è iniziato scambio di insulti a distanza tra i conducenti delle due auto. Stando ad una prima ricostruzione, l’autovettura avrebbe leggermente sfiorato un fuoristrada. Qualche graffio, niente di più, ma tanto è bastato a far scattare un raptus di violenza nella persona alla guida di Suv. Il conducente del mezzo urtato, con toni animati, ha chiesto alle coppie di Castiglione e Montichiari di accostare nel parcheggio di un autogrill che si trovava nelle vicinanze. Qui la lite è proseguita fin quando Filippo Zarantonello, che non era alla guida, ha provato a calmare gli animi. Il conducente del Suv ha spinto l’imprenditore che cadendo ha battuto la testa. Il 77enne è stato trasferito all'ospedale di Pisa dove si trova in coma farmacologico per una frattura al cranio. La sua prognosi è riservata. L'autore del gesto si è presentato subito dopo in ospedale per avere notizie sulle condizioni dell’imprenditore. Qui è stato identificato dalla polstrada e denunciato per lesioni aggravat. Intanto i familiari del 77enne stanno cercando di capire come trasferire in una struttura ospedaliera più vicina l'imprenditore titolare della Zl.

1 2 3 4 5 6 >