Inseparabili nella vita, uccisi insieme dal Covid

Emilia  Scotti aveva 93 anni
Emilia Scotti aveva 93 anni
Valerio Morabito21.10.2020

Neanche la morte ha osato spezzare il grande amore di Antonio ed Emilia. Lunedì, a poche ore di distanza l’uno dall’altra, sono deceduti marito e moglie. Un doppia tragedia che ha commosso la comunità di Castenedolo. Erano entrambi ricoverati al Civile: sembrava che nonostante i gravi problemi di salute pregressi Antonio Mignogna ed Emilia Scotti potessero superare «idealmente» mano nella mano la strettoia dell’infezione. Invece il loro quadro clinico è precipitato fino al decesso: Antonio Mignogna, conosciuto da parenti ed amici come Michele è morto lunedì mattina, qualche ora dopo lo ha seguito la moglie. LUI 86 ANNI, LEI 92 sono stati dunque inseparabili nella vita e nelle morte. La camera ardente dei coniugi è stata allestita nella sala del commiato Treccani di Castenedolo e domani pomeriggio 14.30 si svolgerà il funerale nella chiesa parrocchiale di San Bartolomeo Apostolo di Castenedolo. Poi entrambi verranno sepolti nel cimitero del paese. La morte di Antonio ed Emilia, però, oltre ad aver colpito la comunità di Castenedolo ha lasciato il segno anche in quella di Montichiari. Sì, perché l’86enne è stato un maresciallo dell’Aeronautica e ha lavorato prima nel servizio tecnico della sala radio del 6° Stormo di Ghedi e successivamente è stato uno dei pionieri come istruttore ai corsi tecnici nella scuola missili Nike di Montichiari. E in quel periodo ha svolto il proprio servizio alla base aerea della Fascia d’Oro, attualmente conosciuta come caserma Serini. Una volta in pensione il sottoufficiale si era dedicato al volontariato. NON È LA PRIMA VOLTA che in provincia di Brescia, a causa del covid, scompaiono a pochi giorni di distanza marito e moglie. Un caso simile, per esempio, si era verificato tra aprile e maggio a Mezzane di Calvisano dove nel giro di qualche settimana erano deceduti Luigi Comini, 73 anni, e poco prima la moglie Luciana Burato di 69. Ma qualcuno si era illuso che il peggio fosse passato. Invece, il coronavirus continua a uccidere e lacerare famiglie e affetti come avvenuto a Castenedolo. I coniugi lasciano nel dolore il figlio Saverio e la figlia Tiziana. • © RIPRODUZIONE RISERVATA