In Fascia d’Oro sfrecciano le Formula 1 d’antan

Le auto storiche parcheggiate in bella vista lungo piazza Treccani Tanti gli appassionati che non hanno voluto mancare all’evento
Le auto storiche parcheggiate in bella vista lungo piazza Treccani Tanti gli appassionati che non hanno voluto mancare all’evento
V.MOR. 15.09.2019

Montichiari ha ricordato la propria storia rivivendo il brivido del primo Gran Premio d'Italia che nel 1921, prima di trasferirsi a Monza, si era svolto proprio a Montichiari. C'è stata una discreta partecipazione di pubblico alla seconda edizione del Circuito internazionale di Brescia-Montichiari, organizzata dall'Historic Racing Club Fascia d'Oro. Sono 62 gli equipaggi a bordo di splendide vetture storiche costruite prima del 1939 che hanno sfilato per Montichiari, in totale 6 i Paesi presenti sul circuito, 18 le case automobilistiche. Sotto lo sguardo di appassionati e curiosi, le auto hanno svolto due giri del circuito, andando a ripercorrere in parte il tracciato epocale in Fascia d'Oro. Successivamente le auto sono state esposte in piazza Treccani. Vale la pena ricordare che in questo circuito hanno partecipato le case automobilistiche più prestigiose come l’Isotta Fraschini, la Mercedes, la Fiat, l’Alfa Romeo, la Ballot (che vinse in questa pista il primo Gran Premio d’Italia), la Om, la Chiribiri e la Bugatti con la T13, da allora chiamata «tipo Brescia». Una «pista» su cui si sono cimentati grandi piloti come Tazio Nuvolari, Enzo Ferrari, Vincenzo Lancia, Wagner, Ralph de Palma, Fredericton, De Vizcaya e la baronessa Maria Antonietta Avanzo. A fare da contorno alla manifestazione anche un simulatore di Formula Uno e un concerto di swing in piazza Treccani, entrambi organizzati dell'associazione Ar.Co di Montichiari. •

1 2 3 4 5 6 >