Commessi 2019

«Commessi dell’anno»,
i venti per la gloria

09.12.2019

Alla fine è andata come doveva andare. E i verdetti sono stati chiari: i «Commessi dell’anno» hanno i loro venti di gloria, i dieci più votati nel settore maschile e le dieci più votate nel settore femminile. Applausi, abbracci, sorrisi: sono loro che verranno premiati mercoledì sera, e tra di loro c’è chi sarà eletto commesso dell’anno. Le classifiche alla fine hanno così espresso i verdetti: Daniela Balotti, Gabriella Bergomi, Sabrina Bertasi, Antonella Bonali, Grazia Bonometti, Romina Cantoni, Chiara Del Pozzo, Onorina Formenti, Simona Orizio e Simonetta Zanetti sono le top in ambito femminile; mentre Luca Franzoni, Massimo Gatti, Claudio Garattini, Lucio Gnani, Emanuele Prandini, Pierpaolo Ussoli, Stefano Vitale, Cristian Zaina, Massimo Zito e Samuele Zenari rappresentano i più votati in campo maschile. Sono esponenti della categoria che provengono da tutta la provincia, e che abbracciano ambiti di attività commerciali anche molto diverse l’una d’altra: simbolo che l’iniziativa e la formula del contest proposto da Breciaoggi hanno colpito nel segno, suscitando interesse ma soprattutto entusiasmo e passione in tutti. La stessa che la nostra redazione ha messo in campo ogni giorno per creare la giusta atmosfera intorno all’iniziativa, tra interviste, classifiche, servizi speciali, sorprese regolamentari, pubblicazioni delle classifiche: tutto ha concorso a rendere questo viaggio qualcosa di unico. MA ADESSO l’attenzione si sposta a quello che potrà accadere mercoledì sera: chi vincerà? Ognuno dei venti si sarà fatto i propri conti, conoscendo la quota di punti raggiunta. Ma è impossibile fare previsioni: si può soltanto dire ancora una volta che le schede arrivate in redazione sono state davvero tantissime, e hanno consentito a diversi tra i nostri commessi di raggiungere punteggi eccezionali. Soprattutto, questo va detto, in ambito femminile: sono state le donne che sono riuscite a creare intorno a se seguiti eccezionali, con amici e familiari in caccia di tagliandi tutti i giorni. Ed è stata una sfida, dal punto di vista geografico, soprattutto tra Garda e Valcamonica: una bellissima sfida, pronta ad arrivare al momento finale, quello più bello e atteso ormai da giorni. •