Toscolano Maderno onora Locatelli

Ugo Locatelli: è morto nel 1993
Ugo Locatelli: è morto nel 1993
V.C. 11.10.2019

Toscolano Maderno ricorda Ugo Locatelli, nato attaccante ma diventato celebre come mediano, con una mostra fotografica che sarà inaugurata domani alle 10 alla biblioteca comunale del centro turistico gardesano. L’iniziativa è della sezione provinciale dell’Aiac, l’Associazione italiana allenatori, e si inserisce nella serie «La grande bellezza del calcio», grazie alla quale i tecnici della provincia hanno potuto ascoltare i racconti del grande Fabio Capello (2 marzo, a Villa Baiana di Monticelli Brusati) e la storia degli allenatori del Brescia dalla loro stessa voce (7 giugno, a Palazzo Loggia). DUE INIZIATIVE davvero interessanti. Ma non meno priva fascino è la mostra su Locatelli, nato a Toscolano Maderno il 5 febbraio 1916 e deceduto a Torino il 28 maggio 1993, a più riprese giocatore del Brescia: 24 presenze e 8 reti tra il ’32 e il ’36; 29 gare e 2 gol nel ’35-36; 7 partite nel ’43-44, in pieno secondo conflitto mondiale. Locatelli, che ha vestito anche le maglie di Atalanta, Ambrosiana Inter e Juventus, ha raggiunto i risultati migliori con la Nazionale italiana del mitico commissario tecnico Vittorio Pozzo: nel 1936 ha vinto l’oro olimpico a Berlino; 2 anni dopo ha conquistato i Mondiali disputati in Francia. Locatelli è uno dei 4 calciatori italiani ad aver vinto sia i Giochi che i Mondiali: gli altri sono Pietro Rava, Sergio Bertoni e Alfredo Foni. In maglia azzurra ha totalizzato 22 presenze. Nel corso della mattinata di domani a Toscolano Maderno verrà ricordato anche Silvio Piola con la videoclip «Il cacciatore di gol» con Neri Marcorè. Presente Paola Piola, la figlia del grande centravanti piemontese, 3° marcatore azzurro di sempre con 30 reti dietro a Gigi Riva (35) e a Giuseppe Meazza (33). La mostra su Locatelli, curata dall’Aiac bresciana presieduta da Giampaolo Dosselli con la collaborazione della Fondazione Artemio Franchi di Firenze, è aperta il lunedì, mercoledì e il venerdì dalle 15 alle 19; il martedì, il giovedì e il sabato dalle 9 alle 12,30. Chiuderà sabato 19. Tra le altre iniziative dell’Aiac di Brescia, lunedì alle 17,30, a Palazzo Loggia, la premiazione di tutti gli allenatori bresciani vincitori di campionati nella scorsa stagione con la cerimonia della «Panchina d’oro». TRA CHI RICEVERÀ un premio c’è Eugenio Corini, che la scorsa stagione ha guidato il Brescia alla promozione in Serie A e ora sta cercando di condurlo alla salvezza nel massimo campionato. È più che mai in corsa per il riconoscimento più ambito, la «Panchina d’oro» appunto: chi, se non lui? • © RIPRODUZIONE RISERVATA

1 2 3 4 5 6 >