«Brescia-Fiorentina sarà uno spettacolo E punto su Balotelli»

Prandelli con Mario Balotelli, 29 anni, durante un raduno dell’ItaliaEugenio Corini, 49 anni, e Cesare Prandelli, 62, lunedì in Loggia alla «Panchina d’oro» bresciana
Prandelli con Mario Balotelli, 29 anni, durante un raduno dell’ItaliaEugenio Corini, 49 anni, e Cesare Prandelli, 62, lunedì in Loggia alla «Panchina d’oro» bresciana
17.10.2019

Bresciano lo è di nascita, fiorentino di adozione. Il posticipo di lunedì tra Brescia e Fiorentina al Rigamonti sarà particolare per Cesare Prandelli. Per chi tiferà? Sono legato, per diversi motivi, a entrambe le piazze e proverò a godermi la gara da semplice spettatore amante del calcio. Cosa prevede? Una sfida molto stimolante, soprattutto dal punto di vista tattico. Entrambe le formazioni hanno un’identità ben precisa e sono curioso di capire quale idea di calcio prevarrà. Brescia e Firenze sono due città che, dopo anni di depressione calcistica, hanno ritrovato entusiasmo e voglia di vivere con partecipazione le sorti della propria squadra. Vede un parallelismo tra le due situazioni? Il fatto che in due piazze storiche come queste ci sia del fermento non può che essere positivo per tutto il calcio italiano. A Firenze la nuova società ha portato un progetto ambizioso e di ampio respiro che ha riavvicinato città e tifosi. A Brescia Massimo Cellino, uno dei più competenti imprenditori del mondo del calcio, sta facendo cose impensabili solo fino a poco tempo fa. Il fatto che abbia lavorato immediatamente per la costruzione del centro sportivo è il segnale che ha un progetto lungimirante. Come giudica il lavoro di Eugenio Corini? Straordinario. Guardando una partita del Brescia si capisce il grande lavoro che c’è alle spalle. La squadra ha una sua identità ben delineata e questa è chiara in serie A così come lo era in B: non è una cosa da poco. Nel Brescia molto atteso è Mario Balotelli, che lei conosce bene. Cosa si aspetta dalla sua stagione? L’ho visto determinato e voglioso di riprendersi la scena. È importante per un giocatore, che se trova continuità, può davvero essere l’arma in più del Brescia. Mi dicono che sia in campo che in allenamento abbia sempre l'atteggiamento giusto e questo mi fa ben sperare per il futuro del Brescia. Inserito in una squadra già collaudata, come è il Brescia, Balotelli può davvero essere la ciliegina sulla torta. E cosa si attende personalmente? Sono pronto per una nuova avventura. Non ho fretta, vorrei sposare un progetto con la possibilità di lavorare al meglio. Nel frattempo non smetto di aggiornarmi per farmi trovare pronto.

1 2 3 4 5 6 >