Olimpia in crescendo, Brescia si butta via

Matteo Giovara (Nbb), Davide Marelli (Olimpia) FOTOLIVEMilos Milovanovic (Olimpia) contro la difesa schierata della Nbb Brescia FOTOLIVE/Fabrizio CattinaMichal Mateusz Bialkowski (Nbb) cerca il canestro FOTOLIVEDerby acceso e combattuto fin dai primi minuti di gara FOTOLIVE
Matteo Giovara (Nbb), Davide Marelli (Olimpia) FOTOLIVEMilos Milovanovic (Olimpia) contro la difesa schierata della Nbb Brescia FOTOLIVE/Fabrizio CattinaMichal Mateusz Bialkowski (Nbb) cerca il canestro FOTOLIVEDerby acceso e combattuto fin dai primi minuti di gara FOTOLIVE
Manuel Caldarese 17.11.2019

Si decide in volata il derby tra Olimpia Lumezzane ed NBB Brescia, entrambe a caccia disperata dei due punti: i valgobbini per riscattare la vittoria soltanto sfiorata sul campo della regina Sanse Cremona, la Nbb (un solo successo in campionato) per smuovere una classifica che non rende giustizia a quanto fatto vedere fin qui dalla formazione di Lovino. Alla fine la spuntano i valgobbini, più cinici in un finale da brividi. LA PARTITA. Avvio a tutta in pieno stile derby, con la Nbb che mette subito in mostra le sue doti balistiche: le triple di Bialkowski, Dispinzeri ed Elia tagliano le gambe ai valgobbini, più imprecisi dalla distanza ma che al 10’ sono sotto di un solo possesso (19-22). Nel secondo quarto Labovic e Piantoni svegliano l’Olimpia, ma gli ospiti rimettono la freccia grazie a due bombe di Rappoccio. Coach Cullurà cerca la scossa con un time-out al 13’ (27-25), ma i suoi si fanno sorprendere dall’ennesima tripla di Dispinzeri e da una giocata in area di Frascati, che non conclude un gioco da tre punti ma induce al fallo Ubiali (29-35 al 15’). Cullurà richiama il time-out per una strigliata epocale che provoca la reazione di Piantoni e Milovanovic, ma un’altra tripla targata Nbb per mano di Frascati fa segnare nuovamente le 5 lunghezze di distacco tra le due squadre prima della pausa lunga (42-47 al 20’). La musica però cambia al rientro dagli spogliatoi, quando entrambe le contendenti iniziano a spendere molti più falli. Più acuta da questo punto di vista la gestione dell’Olimpia, che al 40’ avrà concesso solo 8 tiri liberi all’Nbb, mentre è proprio dalla lunetta che Marelli e Milovanovic costruiscono il vantaggio negli ultimi minuti di gara. Il pareggio perfetto arriva al 35’ dopo il canestro di Tomic (74-74), e a poco serve il time-out di coach Lovino, perché nelle ultime aizoni Lumezzane continua a interpretare la partita in maniera cinica ed efficace. • © RIPRODUZIONE RISERVATA