L’Orzinuovi tiene la rotta Sangue freddo da play-off

Andrea Tassinari protagonista con 21 punti a Lecco
Andrea Tassinari protagonista con 21 punti a Lecco
Manuel Caldarese 25.03.2019

Vince ancora Orzinuovi, che anche sul parquet ostico di Lecco si dimostra in piena forma playoff. La partita è stata molto difficile, come da pronostico ma, in ogni situazione di nervosismo e difficoltà, i bassaioli hanno saputo uscirne e controllare le dinamiche anche più colplicate. Rimane prima l'Agribertocchi alla pari con Cesena - che però è sotto per differenza canestri (38 punti) - a +4 dalle inseguitrici Milano, Padova e Faenza (34 punti). L'INIZIO di gara è molto meccanico per la compagine bresciana che, dopo aver aperto le danze col canestro di Matroianni, per i primi cinque minuti si schianta contro la difesa col coltello tra i denti della Gimar. Solo Siberna riece a cavare qualcosa di concreto in attacco, ma i canestri a seguire di Galmarini e Turel portano a un totale di solo 12 punti quando suona la prima sirena, contro i 19 dei padroni di casa (19-12 al 10'). Nel secondo quarto il trend viene totalmente ribaltato, infatti Orzinuovi concede solo il primo canestro ai padroni di casa che segnano con Brunetti, per poi martellare la loro difesa e procurarsi i liberi di Timperi e Varaschin tutti andati puntualmente a segno. Completa la rimonta Mastroianni con un canestro e una tripla, che al 13' vogliono dire pareggio perfetto (21-21). Il 2-9 non demoralizza però i ragazzi di coach Bartocci, anzi. A seguire si vede uno spettacolare scambio di triple: segnano Tassinari, Teghini, Marinelli e ancora Tassinari. Il 6-6 messo insieme dai pistoleri sfidanti non cambia nulla nello score del match (27-27 al 15') ma alza l'asticella di un agonismo che ormai è alle stelle. Nell'ultima fase di gioco prima della pausa lunga l'Agribertocchi Orzinuovi continua a vivere di ottime combinazioni di squadra che non si uniscono a una fase difensiva delle stesse qualità e intensità, ma comunque sono quel che basta per arrivare sulla seconda sirena a più di un possesso di vantaggio (37-42 al 20'). Al rientro dagli spogliatoi si vede un Rattalino indomito, capace di andare in doppia cifra già mentre si celebra il terzo quarto di gioco, ma la squadra si affida praticamente soltanto a lui che da solo non può rappresentare un problema troppo grosso per la difesa dell’Orzinuovi. La partita rimane tuttavia tesa, ma comunque i canestri di Turel e Timperi assicurano che non si verifichi alcun ribaltone. L’ORZINUOVI però non ha ancora vinto e l’ultimo quarto si apre con una situazione in cui il risultato è ancora tutto in discussione sul 54-55. Aancora una volta le varie schermaglie vengono interrotte dal solito Tassinari: la sua tripla al 34' viene seguita da una schiacciata di Pipitone, poi ancora un canestro del playmaker alza i ritmi dei bassaioli e per Bartocci è tempo di timeout (61-67 al 36'). La strigliata del coach di casa non produce però il guizzo finale sperato dal pubblico di Lecco, anzi ogni reazione viene spenta dalle doti balistiche di Tassinari su tutti, capace anche di segnare il 3/3 in lunetta dopo un fallo subito da Teghini e un conseguente tecnico alla panchina del Lecco. La calma olimpica del numero zero orceano ispira anche i soliti Siberna e Bianchi, che si riconfermano capaci di gestire situazioni difficili e da playoff come quelle più cruciali di questa partita. La gara si conclude con le due compagini distanziate di due soli possessi, comunque «blindati» e ben gestiti dalla pronta difesa dell'Agribertocchi Orzinuovi. • © RIPRODUZIONE RISERVATA