C Gold, ultima chiamata Prevalle

Stefano Mascadri (Prevalle):  domenica un derby ad alta tensioneDavide Apollonio (Prevalle)
Stefano Mascadri (Prevalle): domenica un derby ad alta tensioneDavide Apollonio (Prevalle)
Claudio Canini 15.11.2019

L’anno scorso la sfida metteva in palio la supremazia bresciana in C Gold, quest’anno invece la situazione è decisamente diversa. Non tanto in casa Virtus Lumezzane, squadra che veleggia comunque al quarto posto in classifica, ma per quel che riguarda lo stato di salute del malatissimo Prevalle, sprofondato in una crisi nera cadenzata da quattro sconfitte consecutive e solo due vittorie dopo sette giornate di campionato. DOMENICA a Milano, contro la Bocconi, la formazione valsabbina ha toccato il fondo. Tante le attenuanti generiche per Prevalle, a partire dagli infortuni, «ma gare come quelle con la Bocconi e con l’Olimpia Lumezzane una squadra come la nostra deve portarle a casa, senza se e senza ma - sbotta il patron e direttore sportivo Davide Apollonio - Mi sono rotto di sentir parlare di assenze. Certo in questo momento non siamo da primi posti a causa degli infortuni, ma non si può dopo tre sconfitte di fila buttar via anche il match contro Milano. Gara persa da noi, come tutte quelle perse quest’anno. Non ho mai visto una squadra che ci è stata superiore, forse solo Pizzighettone, le altre han guadagnato i due punti grazie a regali nostri». Il mirino è puntato non tanto sui nuovi arrivi, in gran parte molto giovani, ma sulla vecchia guardia. «Sono i miei senior che devono darsi una mossa e tirar fuori gli attributi. Hanno fallito troppe volte: adesso conta. Conta davvero. Dimostrino il loro valore». E la sfida con la Virtus di domenica, alle 18, potrebbe essere l’occasione giusta. «Siamo una squadra forte, continuo a pensarlo, e giocare contro la corazzata ci può sbloccare. Sicuramente sarà una sfida durissima, ma in questo momento, soprattutto noi dirigenti, dobbiamo trarre indicazioni positive non solo dal risultato: conterà anche come affronteremo la gara nell’arco dei quaranta minuti. Se avremo dato il massimo sarò soddisfatto, altrimenti sarà solo l’ennesima prova della mancanza di carattere dei miei e dovrò trarne delle amare conclusioni, ma se li conosco bene...». L’unica certezza in questo momento è l’allenatore: «Dario Adami sta facendo un lavoro incredibile». In casa Lumezzane vigilia più tranquilla dopo la bella e convincente vittoria contro la Pallacanestro Milano. «È dall’inizio dell’anno che le squadre che giocano contro di noi cercano di dare qualcosa in più - dichiara coach Alessandro Crotti - Siamo pronti e vogliamo vincere perché le due partite che abbiamo perso già ci pesano abbastanza. Siamo partiti un po’ sonnacchiosi, ma ora vogliamo trovare la giusta continuità». Ma quello di domenica non sarà l’unico derby. Domani a Gussago alle 18 si sfideranno Olimpia Lumezzane e Nbb Brescia. «UNA PARTITA che vogliamo vincere a ogni costo - analizza il coach valgobbino, Federico Cullurà - Fin qui abbiamo raccolto meno di quanto avremmo meritato: abbiamo bisogno di tornare alla vittoria per la classifica e per il morale». Vincenzo Lovino mette fin da subito in guardia i suoi: «Troveremo una squadra ferita, che arriva da una sconfitta di un punto contro la Sansebasket - spiega - Dobbiamo essere pronti a una partita gagliarda». Domani invece la Gardonese, seconda in classifica, scenderà in campo contro il fanalino di coda Sustinente già sapendo il risultato di Pizzighettone-Sansebasket: una vittoria potrebbe voler dire o aggancio al primo posto o seconda posizione in solitaria. Impegno ostico per Iseo, che giocherà in trasferta contro i milanesi dell’Opera, reduci da tre successi consecutivi. • © RIPRODUZIONE RISERVATA