È arrivato il grande giorno dei «bonus»

Il poker scintillante dei premi messi in palio da Bresciaoggi
Il poker scintillante dei premi messi in palio da Bresciaoggi
14.03.2019

La terza campanella stagionale sta per suonare. Stasera alle 18 si chiuderà un’altra intensa settimana di votazioni che permetterà ai giocatori più «nominati» dai lettori di Bresciaoggi di guadagnare il terzo bonus da 300 punti di questa edizione. I beneficiari saranno i quattro campioni più votati, uno per categoria (Pallone d’Oro, d’Argento e di Bronzo, oltre che alla Perla del Calcio), degli ultimi sette giorni. Un onore che è già toccato nelle precedenti settimane a Marco Serio, Andrea Minelli (Oro), Nicola Rolfi, Matteo Burzio (Argento), Andrea Pederzani, Mattia Binaghi (Bronzo), Chiara Massussi e Denise Brevi (Perla) e che pertanto non potranno concedersi il lusso del bis. Discorso diverso per tutti gli altri candidati che hanno tutte le carte (e i tagliandi) in regola per imporsi e compiere in questo modo un importante salto di qualità anche nella classifica generale. Oggi sulla redazione di Bresciaoggi è previsto un altro «boom» dopo i parziali record fatti registrare fino ad ora: nelle prime due settimane sono arrivati complessivamente 38mila punti per i 280 candidati in corsa. Il regolamento segue la tradizione del premio in tutto e per tutto. Bisogna però tenerlo sempre presente per non far mancare al proprio beniamino il sostegno indispensabile per acciuffare la finale. VOTARE è semplice. Basterà acquistare in edicola Bresciaoggi e ritagliare la scheda-voto contenuta all’interno delle pagine sportive. I tagliandi andranno poi compilati con nome, cognome, ruolo, squadra di appartenenza e categoria, per poi essere consegnati, a mano o via posta, alla redazione di Bresciaoggi (via Eritrea 20/A, 25126 Brescia). Per agevolare tifosi ed appassionati è disposizione una speciale urna posizionata all'ingresso della redazione dove è possibile inserire le buste o i tagliandi che saranno poi sottoposte ai conteggi Si ricorda che non esiste il voto dissociato tra il premio maschile e quello femminile. Pertanto non saranno considerati validi i tagliandi che riporteranno solo il nome del candidato maschile o solo quello della candidata femminile. • © RIPRODUZIONE RISERVATA