«X Factor 13», la rivoluzione parte da tre nuovi giudici

Mara Maionchi e i nuovi giudici Sfera Ebbasta, Malika Ayane, Samuel
Mara Maionchi e i nuovi giudici Sfera Ebbasta, Malika Ayane, Samuel
11.09.2019

MILANO Edizione numero tredici per X Factor che torna su Sky tra novità e conferme. La novità principale riguarda il fronte della giuria, quest’anno rivoluzionata nei suoi tre quarti. Se quello di Mara Maionchi è un ritorno sul banco dei giurati, il debutto assoluto è invece quello di Malika Ayane, di Samuel dei Subsonica e del trapper Sfera Ebbasta. «Abbiamo cercato un’aria nuova per il programma - ha spiegato Lorenzo Mieli di Fremantle - e di rivedere il linguaggio per renderlo il meno televisivo possibile. Mara, invece, ha un modo di fare televisione che per noi era insostituibile. Rappresenta tutto quello che ognuno di noi vorrebbe vedere in un giudice». Confermatissimo, poi, anche Alessandro Cattelan che per il nono anno consecutivo è il conduttore del talent musicale di casa Sky. «Al nono X Factor ne ho viste tante - ha detto Cattelan - e la rivoluzione di quest’anno ci voleva. Sono sicuro che la nuova giuria ci metterà poco a entrare in sintonia con il pubblico». Da domani saranno messe in onda, su Sky Uno, le puntate già registrate e dedicate alle selezioni. «Sono un po’ deluso perchè nessuno mi ha chiesto del Festival di Sanremo - ha scherzato Cattelan - ma posso dire che sono contento per Amadeus alla conduzione. Per il futuro, vedremo». Attesi alla prova televisiva, i nuovi giudici sono già entrati nella parte e durante le prime fasi del programma hanno definito i loro ruoli. «E’ un’esperienza completamente nuova per me - ha detto Sfera Ebbasta - e anche se non mi sentivo molto pronto, mi sono trovato a mio agio in questi panni. Tornare al lavoro dopo il dramma di Corinaldo non è stato facile». Al debutto anche Samuel, frontman dei torinesi Subsonica che qualcuno del gruppo di giurati ha già identificato come mister no per i tanti pollici versi mostrati. Anche Malika Ayane, nella nuova veste televisiva, pare aver trovato la chiave giusta per entrare in sintonia con il mezzo. •