Campiello, Nordio presidente e nuovi ingressi in giuria

18.01.2019

VENEZIA Prende il via la 57a edizione del Premio Campiello con la riconferma del magistrato Carlo Nordio come presidente della Giuria dei Letterati. Nordio è un grande appassionato di letteratura e ha scritto anche diversi libri per lo più di natura giuridica. Per Matteo Zoppas, presidente della Fondazione «Il Campiello» e di Confindustria Veneto, «la scorsa edizione del Campiello è stata un’edizione di grande valore grazie al ruolo di Nordio come presidente di Giuria, che ringrazio per aver accettato l’incarico anche quest’anno, e che incarna perfettamente i valori fondativi del Premio: all’indipendenza, trasparenza e autorevolezza; al ritorno alla diretta televisiva, che ci ha permesso di raggiungere un pubblico ancora più ampio». «Abbiamo poi puntato sempre di più sui giovani - continua Zoppas - coinvolgendo anche i giovani imprenditori di Confindustria». Quella che sta per iniziare «sarà un’edizione ancora più importante - annuncia - frutto del grande lavoro che il Comitato di Gestione, presieduto da Piero Luxardo, sta svolgendo. Vogliamo che il Campiello venga percepito per quello che è da sempre: non semplicemente una serata o un evento, ma un percorso che dura tutto l’anno e che rappresenta uno tra i principali contributi che la classe imprenditoriale ha dato per la crescita culturale del Paese tramite la letteratura». Tra le novità di questa edizione, un nuovo ingresso nella Giuria dei Letterati: si tratta di Silvia Calandrelli, direttore di Rai Cultura. Esce invece Paola Italia, docente di letteratura italiana all’Università di Bologna, in Giuria dal 2012. Il 31 maggio la Giuria dei Letterati si riunirà a Padova per selezionare la cinquina finalista e annunciare il Premio Opera Prima. Il vincitore della 57a edizione del Premio Campiello, indicato dalla Giuria dei Trecento lettori anonimi, verrà proclamato sabato 14 settembre al Gran Teatro la Fenice di Venezia. •