L’orientalista Locatelli e i cassoni rinascimentali

25.09.2019

Doppio appuntamento al- l’Accademia Carrara di Bergamo. Oggi alle 15, in collaborazione con GAMeC, è in programma la presentazione della monografia dedicata a Romualdo Locatelli (1905- 1943), alla presenza del curatore Vittorio Sgarbi. Il volume, edito da Skira, offre una selezione di opere dell’artista italiano più rappresentativo del panorama pittorico orientalista del «Mooi Indië», ed è arricchito da foto d’epoca, lettere e documenti raccolti nell'Archivio Locatelli. Un racconto che si snoda dai primi successi in Accademia Carrara e poi a Brera, passando per lo studio di via Margutta a Roma, dove diventò ritrattista del Vaticano e della famiglia reale italiana, fino al trasferimento in Indonesia, a Bali, nell’Isola degli Dei. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Venerdì alle 17.30 verrà invece presentato il volume di Mattia Vinco «Cassoni. Pittura profana del rinascimento a Verona». A poco più di cent’anni dalla prima edizione del monumentale repertorio di Paul Schubring sui cassoni italiani, cofani nuziali, spalliere e pannelli da studiolo che decoravano le dimore italiane del Rinascimento, Mattia Vinco ha curato un corposo volume, edito da Officina Libraria, gettando nuova luce sulla produzione veronese. Verona emerge così per la sua eccezionale importanza, che la vede seconda solo a Firenze. Pur priva di una corte, la città scaligera appare non più centro minore e subalterno, ma luogo inaspettatamente innovativo di un genere pittorico poco praticato nel panorama padano rinascimentale. Interventi di Davide Gasparotto, curatore Senior Getty Museum Los Angeles, e di M. Cristina Rodeschini. Ingresso libero fino a esaurimento posti. •