Non sparate sul barista
che ha già sofferto tanto

La Leonessa
La Leonessa
07.05.2020

Bisognerebbe che il Divo Iuppiter Pirlator, il Giove Pirlatore di Pirli che è nume tutelare dei baristi, protettore degli osti e delle ostesse, patrono del bere miscelato di artigianizia qualità come anche, perchè no, della bibita pronta e della birra in bottiglia, ma soprattutto in excelsis arbiter del pirlo bresciano, guardasse in giù. Il suo popolo, il popolo dei baristi, ha bisogno di lui e di una divina intercessione per un urgente, purché benigno, rivolgimento di fortuna. Dopo due mesi di locali chiusi, cassetti vuoti, risparmi andati, notti agitate, palle girate, finalmente gli esercenti possono riaprire i locali ma solo, anzi soltanto, per asporto. E che succede? Si accalca la sparuta clientela col bicchiere di plastica in mano davanti ai locali, indugia e attira, assembrandosi appresso al bar, l’occhio vigile dei vigili. Col rischio che i baristi si becchino la multa. Dopo il danno la beffa? Giove Pirlatore, aiutali tu!