Piromani in azione, in fumo tre ettari di bosco

Sul posto anche i vigili del fuoco
Sul posto anche i vigili del fuoco
04.11.2017

Non era difficile prevederlo: il primo incendio doloso è arrivato anche in Valtrompia.

A Pezzaze, dove più dei danni hanno fatto impressione le modalità: in pieno bosco e non sui pascoli più in alto, protetti in questi giorni dalle forti brinate, come facevano in passato i malghesi, almeno con qualche motivazione, convinti di avere poi un’erba migliore.

I piromani guardano attentamente le previsioni del tempo e hanno deciso di sfruttare quelle che sembrano le ultime giornate utili prima di domani, giorno in cui è previsto l’arrivo di una perturbazione a far respirare il terreno riarso. Non hanno fatto fatica, scegliendo a sorpresa un posto dove non si ricordano incendi. All’imbrunire verso le 17.30 hanno appiccato il fuoco in pieno bosco a 800 metri di altezza, dopo essere arrivati probabilmente sul posto in Plagna comodamente sulla strada che porta in fondo alla Val Cavallina, famosa per i suoi «poiat» a fare carbonella, partendo a sinistra sotto Mondaro. Poi quattro passi sul sentiero a mezzacosta, nascosto alla vista dalle piante e che si dirige verso Sete, fino a una valletta con parete rocciosa sulla quale era difficile intervenire.

Hanno dato l’allarme in Comunità Montana i volontari di Pezzaze all’erta come tutti in questi giorni. Gianpietro Corti, di turno tra i tre del nucleo Dos (direttori operazioni spegnimento) dell’ente comprensoriale, capofila del piccolo esercito di 18 squadre dei comuni valtrumplini, faceva intervenire a rinforzo anche le squadre di Bovegno e Tavernole, complessivamente una ventina di uomini. Arrivavano i vigili del fuoco e i carabinieri forestali di Gardone, che hanno subito avviato le indagini. Verso le undici l’incendio era spento. Difficile al buio e tra le rocce la bonifica completa su tutti i focolai considerato anche il letto di pattume: verso le tre il fuoco ripartiva. Interveniva la squadra di Pezzaze e ieri a mezzogiorno hanno finito. In fumo circa tre ettari di bosco ceduo.E.BER.

Condividi la notizia