Telecamere, è psicosi da autovelox

L’incrocio dell’ospedale, il semaforo e la nuova telecamera installata
L’incrocio dell’ospedale, il semaforo e la nuova telecamera installata
Marco Benasseni04.11.2017

L’installazione di nuove telecamere lungo la Provinciale 345 ha fatto scattare la psicosi da autovelox. Commenti allarmati, automobilisti sul piede di guerra, voci incontrollate: nei giorni scorsi è serpeggiato il panico in tutta la Valtrompia, con Facebook e i social, come al solito, a fare da cassa di risonanza. In realtà, molto rumore per (quasi) nulla, perché i nuovi occhi elettronici avranno solo il compito di vigilare sulla sicurezza stradale e dei pedoni. Quelli installati a Concesio davanti all’Auchan, per esempio, servono solo a tracciare il passaggio, in entrata e in uscita, degli autoveicoli e non hanno finalità sanzionatorie.

A GARDONE invece a preoccupare è la telecamera posizionata in corrispondenza del semaforo che consente la svolta verso l’ospedale. Sui social e nei bar del paese sono circolate voci in merito a possibili sanzioni per chi dalla corsia di sinistra avrebbe svoltato sempre nello stesso senso pochi metri più avanti, per imboccare la controstrada che porta al supermercato. C’è anche chi dice che il nuovo occhio elettronico sia in grado di seguire il veicolo su tutto il tratto della Provinciale, multando anche infrazioni commesse a decine di metri dal semaforo. Nulla di tutto questo: la realtà, per una volta, non supera la fantasia.

Gli unici a essere multati saranno gli automobilisti che passeranno con il rosso, come è sempre stato. «Sarà sanzionato solamente chi passa o svolterà a sinistra con il rosso al semaforo che permette l’ingresso all’ospedale - conferma il sindaco Pierangelo Lancelotti - Abbiamo più volte chiarito e spiegato la situazione per smontare le leggende nate sui social».

Non cambia nulla rispetto al passato, anzi vista la querelle legata alla classificazione della strada Provinciale e alla presenza degli autovelox, bisogna ricordare che da mesi quello tanto odiato dagli automobilisti che transitano in quel tratto è stato spento. Insomma, l’installazione della telecamere, in seguito alla presa in carico del Comune di quel tratto di Provinciale, è solo una delle azioni previste per migliorare la sicurezza di una delle arterie più trafficate del Paese.

E gli interventi non sono finiti. Per i prossimi mesi è in programma l’arrivo di nuovi varchi, sul genere di quelli posizionati a Concesio e Lumezzane, per leggere le targhe delle automobili e quindi verificarne la regolarità assicurativa. Gli occhi elettronici, in questo caso, saranno utili alle autorità in caso di furti e rapine per identificare le auto in ingresso e in uscita da Gardone.

Condividi la notizia