Scappa dai carabinieri in pigiama e infradito

Il parapetto dal quale è caduto
Il parapetto dal quale è caduto
24.10.2017

Quando i carabinieri di Bagolino gli hanno intimato l’alt, il giovane alla guida dell’auto è sceso e si è dato alla fuga a piedi, in pigiama e infradito.

È veronese il 18enne che nella mattinata di ieri, attorno alle 11, a bordo di una vecchia Fiat Panda, è stato intercettato da una pattuglia dei militari di stanza nella locale stazione, con a bordo il maresciallo Dino Dusatti, mentre da Ponte Caffaro sulla provinciale 669 saliva verso il paese di Bagolino, con una guida piuttosto incerta che li ha insospettiti. I carabinieri hanno deciso di effettuare un controllo e, quando sono arrivati praticamente in centro al paese, gli hanno intimato di fermarsi. Il ragazzo ha subito eseguito l’ordine, ma una volta sceso dal mezzo si è messo a correre a piedi.

Così è cominciato l’inseguimento tra vicoli e stradine.

La cosa che più ha lasciato di stucco chi gli si era messo alle calcagna è che il diciottenne stava guidando con addosso solo il pigiama e un paio di ciabattine infradito. Anche per questo la fuga è durata solo qualche minuto. Probabilmente non conoscendo bene la zona, il veronese è salito su un muretto per saltare in una scarpata, ma il volo è stato di una quindicina di metri prima di andare a sbattere contro un albero in un giardino sottostante.

Chi ha assistito alla scena ha avvisato i soccorsi, mentre i due carabinieri sono riusciti a bloccarlo e a riportare il ragazzo sulla strada.

IL GIOVANE, che non ha detto molto, soltanto l’età e la provenienza, è stato trasportato con l’eliambulanza in codice verde alla Poliambulanza di Brescia. Mentre il maresciallo Dusatti, che durante l’inseguimento è scivolato lussandosi una spalla, è finito con l’ambulanza al pronto soccorso di Gavardo.

La dinamica dell’accaduto e le indagini del caso sono passate ai Carabinieri di Idro, che hanno scortato il giovane in ospedale per saperne di più sui motivi dell’inspiegabile fuga e del balzo nel vuoto in pieno centro.M.ROV.

Condividi la notizia