Ospedale dietro front La Lega cerca fondi per riaprire fisiologia

Floriano Massardi
Floriano Massardi
A.GAT.12.10.2018

Due milioni di euro per l’ospedale di Gavardo, da finanziare nell’ambito del Programma regionale straordinario degli interventi: serviranno per ripristinare il servizio di fisiologia, che fino a pochi mesi fa permetteva interventi di installazione in loco dei pacemaker, e per potenziare i reparti di Medicina e Radiologia. Lo annuncia il consigliere regionale leghista Floriano Massardi, ex sindaco di Vallio Terme: «Stiamo lavorando per sbloccare le risorse necessarie - spiega - abbiamo preso contatti con l’assessorato al Welfare e con i tecnici della Direzione generale: l’impegno è quello di far stanziare il prima possibile questi fondi». «Riteniamo sia doveroso portare avanti i progetti per il potenziamento del presidio gavardese - continua Massardi - e per consentire ai nostri medici di eseguire in tempi rapidi gli interventi di impianto di pacemaker direttamente in ospedale, come era fino al marzo scorso. Un servizio essenziale che è stato interrotto a causa delle nuove norme di accreditamento». «Al momento infatti - continua Massardi - i pazienti che si trovano costretti a subire questo genere di operazione devono recarsi a Manerbio, a un’ora di strada, una situazione che aumenta il rischio di complicazioni e causa forti disagi». La proposta leghista riporta in auge anche la discussione relativa al reparto (mancante) di Emodinamica dell’ospedale, utile sia per diagnosi cardiovascolari preventive che per interventi urgenti. •