Metano nelle frazioni, un’estate a tutto gas

Uno scorcio della Val Palot che sovrasta PisogneLa posa della rete del gas partirà da Fraine
Uno scorcio della Val Palot che sovrasta PisogneLa posa della rete del gas partirà da Fraine
Alessandro Romele 13.06.2018

Tecnicamente si chiama «progetto di ampliamento dell’impianto di distribuzione del gas naturale»; in sostanza consentirà alle frazioni montane di Pisogne di liberarsi del bombolone, perchè grazie a un investimento privato di un milione, da quelle parti arriverà il metano. La tratta interessata va da Fraine alla Val Palot, e a realizzarla sarà la società Erogasmet che, su richiesta del Comune, investirà appunto poco più di un milione per collegare le due località alla rete del gas. I lavori inizieranno alla fine dell’estate, e presumibilmente termineranno prima dell’inverno. «Partiremo con una tubazione da Fraine e saliremo fino a metà del tratto - ha spiegato Sergio Lionetti, rappresentante di Erogasmet - dove posizioneremo una cabina di riduzione. Da qui, una tubazione in polietilene servirà tutte le abitazioni dell’area. È un tratto di cinque chilometri e mezzo; un lavoro impegnativo». «Erogasmet non intende venir meno alla sua mission - ha sottolineato Osvaldo Benedetti, responsabile commerciale per la Valcamonica : quella di essere a disposizione del territorio su cui opera. Tant’è vero che a seguito della richiesta dell’amministrazione pisognese, con cui collaboriamo dal 1967, abbiamo subito accettato. Una società che opera sul territorio ha l’obbligo di restituirgli servizi di alta qualità». BUONE notizie per cucine e caldaie, un po’ meno per la viabilità. La strada interessata è molto stretta, e ovviamente il traffico verrà interrotto, anche se il Comune sta già studiando l’apertura di finestre temporali per consentire il passaggio dei bus delle scuole e dei mezzi d’emergenza. Conclusi i lavori, tutto il territorio pisognese potrà dirsi coperto dalla rete del gas. «Si tratta di un’operazione sociale prima che strategica - ha chiuso il sindaco Diego Invernici - perché con questo intervento miglioriamo la qualità della vita della popolazione montana». Settimanalmente, ogni tratto su cui si sarà lavorato verrà aperto per il weekend. E nella prossima primavera i cinque chilometri e mezzo tra Fraine e la Val Palot verranno riasfaltati. •