Muore a 51 anni
nel frontale
con la moto

Dopo il frontale l’utilitaria con a bordo una coppia è finita contro i paletti che delimitano una piazzola di sosta in via San Martino ad Angone Giovanni Armanni di Piamborno è  deceduto sul colpo dopo l’impatto tra la sua moto e una Fiat Panda Sul luogo della disgrazia sono intervenuti anche i Vigili del fuoco
Dopo il frontale l’utilitaria con a bordo una coppia è finita contro i paletti che delimitano una piazzola di sosta in via San Martino ad Angone Giovanni Armanni di Piamborno è deceduto sul colpo dopo l’impatto tra la sua moto e una Fiat Panda Sul luogo della disgrazia sono intervenuti anche i Vigili del fuoco
Claudia Venturelli 15.02.2019

Ha perso il controllo della moto e dopo una paurosa sbandata è entrato in rotta di collisione con un’utilitaria. L’impatto non ha lasciato scampo al 51enne di Piamborno che viaggiava in sella a un custom. Giovanni Armanni è deceduto sul colpo. La disgrazia - l’ennesima sulle strade bresciane - si è consumata poco dopo le 18 in Valcamonica e precisamente ad Angone di Darfo, lungo via San Martino, nelle vicinanze del supermercato Md. La vittima stava percorrendo la strada in direzione nord quando si è scontrata con la Fiat Panda. Giovanni Armanni è stato disarcionato di sella prima di essere scaraventato sull’asfalto. L’automobile ha finito la sua corsa contro i pali che delimitano la piazzola di sosta. Immediata la chiamata ai soccorsi da parte degli altri automobilisti che percorrevano all'ora di punta la trafficatissima via. Sul posto è giunta dopo pochi minuti un'ambulanza di Procivil Camunia e l'auto medica dell'ospedale di Esine. La centrale operativa del 112 ha allertato l’elicottero attrezzato al volo notturno, ma la missione è stata annullata dopo che i primi operatori sanitari arrivati in via San Martino hanno constatato che il 51enne era morto. Inutili si sono rivelati i tentativi di rianimarlo. Illesa, ma comprensibilmente sotto shock la coppia a bordo dell’utilitaria, un 57enne e la moglie di 53 anni residenti a Darfo. La Fiat Panda ha urtato conto delimitazione dell'area su cui si affaccia una piadineria da asporto, vicino al passaggio a livello della linea ferroviaria Brescia-Edolo. Sul posto sono stati chiamati i Vigili del fuoco, impegnati nelle delicate operazioni di estrazione della coppia a bordo dell'auto fortemente danneggiata dall’urto e una pattuglia della Polizia locale di Darfo che ha gestito il traffico, intenso a quell'ora e letteralmente paralizzato lungo la strada che attraversa il paese. In un secondo momento è arrivata sul posto anche una pattuglia dei carabinieri di Darfo che hanno proceduto con i rilievi per ricostruire la dinamica dell’accaduto. Difficile al momento stabilire con precisione le responsabilità della tragedia che tuttavia appaiono abbastanza chiare. Sotto la lente degli agenti anche i documenti della moto e in particolare la polizza assicurativa. La strada è stata riaperta un paio di ore più tardi, intorno alle 20,30, dopo che i carro attrezzi l'hanno liberata dai mezzi coinvolti nell’incidente stradale. La salma di Giovanni Armanni ha potuto essere trasportata nella sala mortuaria dell'ospedale di Esine in attesa degli accertamenti medico-legali. • © RIPRODUZIONE RISERVATA