A Edolo i vigili del fuoco salgono sullo «snorkel»

Lo snorkel in dotazione ai vigili del fuoco di Edolo
Lo snorkel in dotazione ai vigili del fuoco di Edolo
L.FEBB. 18.08.2018

Le risorse investite nella sicurezza rappresentano sempre un’ottima spesa, e tra gli investimenti più recenti avvenuti in alta valle c’è quello relativo al parco mezzi dei vigili del fuoco di Edolo, che si è arricchito di un nuovo veicolo speciale. È successo grazie ai contributi delle Unioni dei Comuni delle Alpi Orobie Bresciane e della Valsaviore, che hanno sborsato 15 mila euro ciascuna, e alla Comunità montana di Valcamonica, che ci ha messo i diecimila euro mancanti per saldare la fattura per entrare in possesso di uno «snorkel», che è stato acquistato usato, ma in ottime condizioni, dal distaccamento di Rovereto, in Trentino, e che è stato presentato ufficialmente alla popolazione in occasione dell’ultima «Notte arancione». HA UNA PORTATA massima di 200 chili, il cestello può arrivare a un’altezza di venti metri e ruotare a 360°, e lo sbraccio massimo per lavorare in sicurezza è di circa 13 metri. Un’altra caratteristica interessante di questo mezzo è che può operare anche in negativo: ovvero può calare per cinque/sei metri il personale in una scarpata o recuperare una barella con un infortunato. Una volta espletate le formalità burocratiche di presa in carico da parte del Comando di Brescia (si spera che si risolvano nell’arco di poche settimane, non come è successo spesso in passato, quando la generosità di cittadini ed enti ha finito spesso per cozzare contro l’ottusità dei funzionari romani), lo snorkel diventerà operativo. Visto il suo ridotto ingombro sarà utilissimo al nucleo di volontari edolesi, che hanno competenza su una vasta porzione di territorio dell’alta valle, soprattutto per effettuare interventi nei centri storici. •