Trasporto pubblico
Paline rimane in rete

Paline resterà agganciata alle  rete dei  collegamenti degli autobus
Paline resterà agganciata alle rete dei collegamenti degli autobus (BATCH)
22.08.2017

È arrivata nel mezzo dell’estate la buona notizia che riguarda l’Altopiano del Sole: il collegamento bus tra Borno e la località Paline continuerà grazie al rinnovo della convenzione che da un paio d’anni lega la Provincia al Comune e che serve ad accorciare le distanze tra la frazione (una ottantina di abitanti) e il capoluogo; quasi sei chilometri.

«SI TRATTA di uno sforzo non indifferente anche per il Comune che ogni anno investe per questo qualcosa come 30 mila euro - ricorda il sindaco Vera Magnolini -. La Provincia e il presidente Mottinelli hanno da tempo compreso l’importanza del servizio che non solo serve gli orari scolastici, ma in questo periodo, come in quello invernale, sostiene anche il comparto turistico».

«Questa iniziativa di potenziamento -  precisa il consigliere delegato ai Trasporti del Broletto, Diego Peli - comporta percorrenze di 20.736 chilometri all’anno, integrandosi a quelle già effettuate sul territorio, con un contributo provinciale di 20 mila euro annui». Uno sforzo che oggi coinvolge anche l’Agenzia del trasporto pubblico locale, che ha sottoscritto lo schema di protocollo d’intesa per gli autobus che non fanno capolinea a Borno ma si portano fino a Paline, al confine con la Val di Scalve.

«Questa attività è importante - aggiunge Magnolini -, non solo per gli studenti, ai quali sono garantite corse speciali, ma anche per i turisti: sono tantissimi quelli che soggiornano a Croce di Salven, qualche chilometro prima della frazione». Il servizio sarà come sempre garantito dalle Autolinee Sabba: «Il rilancio dell’estensione del servizio di linea alla frazione Paline - conclude il presidente della Provincia Pierluigi Mottinelli - permetterà di contribuire sia ad assicurare migliori possibilità di mobilità ai cittadini, in particolare studenti e anziani, sia a valorizzare l’attrattività turistica della zona». C.VEN.

Condividi la notizia