«Corti» da tutto il mondo
in scena al Film Festival

06.10.2017

Buio in sala, proiettore acceso, grande attesa ed emozione per la seconda edizione del Franciacorta Film Festival, che si svolgerà domani sera a Rovato.

È un concorso internazionale di cortometraggi, nato dall'idea dell'associazione Bormantvtube e il Gruppo StreXartS. Solo «corti», tanto che la proiezione dei dieci film finalisti si svolgerà in un’unica serata, domani alle 20.30 al cinema teatro San Carlo di Rovato.

Il concorso, aperto a tutti i videomaker (professionisti e non) è diviso in due sezioni: una a tema libero e una a tema sulle «Terre della Franciacorta». Sono arrivati da visionare e valutare corti da Argentina, Francia, Spagna, Australia, anche dall’Iran, oltre che ovviamente dall’Italia: un fenomeno mondiale, organizzato con grande passione e pronto a spiccare il volo per un ulteriore salto di qualità dopo l’edizione inaugurale dello scorso anno.

La giuria ha selezionato i dieci finalisti, che domani sera si confronteranno sullo schermo per aggiudicarsi i diversi premi.

Il requisito per partecipare prescriveva una durata massima delle riprese di 10 minuti. Per tutti i partecipanti che hanno scelto il tema della Franciacorta, si segnala la possibilità di vedere utilizzato il proprio «corto» come mezzo pubblicitario delle cantine associate al Consorzio Franciacorta, che ha dato il patrocinio all'evento assieme alla Provincia di Brescia e al comune di Rovato.

La prima edizione aveva visto come vincitore il corto «Il principe di Salucci», bellissimo corto animato.

«Rispetto alla prima edizione - spiega Paolo Mazzoleni, uno dei più entusiasti organizzatori del Festival - contiamo di superare la cifra di 100 “corti“ che avevano partecipato in precedenza. La prima edizione, lo ricordo, si era svolta a Erbusco, mentre quest'anno siamo ospitati dal comune di Rovato. L'intenzione è di farne una rassegna itinerante, che di anno in anno accenda i riflettori su tutti i Comuni della Franciacorta».

Domani le proiezioni e, a seguire, le premiazioni. V.R.

Condividi la notizia