La scuola di Brescia riapre
agli studenti dell’«Ovest»

03.01.2017

Risultati importanti per l’iniziativa dei Comuni di Castegnato, Ospitaletto e Travagliato con i loro Consigli di Istituto, che a fine ottobre si sono rivolti all’Ufficio scolastico territoriale di Brescia sull’esigenza di consentire agli alunni dei propri paesi l’iscrizione negli Istituiti della città, cosa che era resa difficile dalla nuova ripartizione degli «ambiti» che inseriscono i tre comuni in ambito diverso da quello di Brescia.

Il primo risultato è stato un incontro al Provveditorato e il secondo, l’antivigilia di Natale, una lettera del provveditore Mario Maviglia ai dirigenti delle scuole medie e superiori statali di Brescia e provincia che potrebbe risolvere il nodo delle preiscrizioni.

Nella lettera sui «criteri di accettazione prioritaria delle domande di iscrizione classi prime per l’anno scolastico 2017-2018», il dirigente provinciale sottolinea gli elementi di criticità della nuova ripartizione in cinque ambiti territoriali della provincia, con l’esclusione dall’ambito 6 dei Comuni di Azzano Mella, Castenedolo, Ospitaletto, Castegnato, Travagliato e Rodengo Saiano.

«Gli studenti degli Istituti comprensivi di questi comuni - scrive Maviglia - gravitano mediamente per oltre il 75 per cento sugli istituti superiori di Brescia, con punte dell’88 per cento. Tale affluenza corrisponde a oggettive questioni logistiche: vicinanza alla città ed efficienza della rete trasporti provinciali nel garantire il collegamento di questi comuni con il centro. Carente, quando non del tutto assente, è al contrario il collegamento con i comuni sede degli Istituti secondari dell’ambito territoriale Bassa bresciana e Sebino-Ovest bresciano». Dopo queste premesse, l’invito rivolto ai dirigenti scolastici degli Istituti secondari della città è «di porre la dovuta attenzione alle oggettive difficoltà nell’indicare i criteri di accettazione prioritaria delle domande di iscrizione delle classi prime», quasi un via libera per i ragazzi dei tre Comuni. G.O.

Condividi la notizia