La differenziata vale un altro podio

La raccolta differenziata a Botticino ha raggiunto il 78,2 per cento
La raccolta differenziata a Botticino ha raggiunto il 78,2 per cento (BATCH)
01.07.2017

Botticino «Comune Riciclone» 2017: è il titolo, ottenuto per la terza volta consecutiva, conferito da Legambiente nel corso di una cerimonia a Roma. Un motivo di orgoglio e di soddisfazione per il paese, che si è classificato al terzo posto in Lombardia per i Comuni con più di 10mila abitanti e al 239° posto a livello nazionale.

Nel dettaglio, tra i dati relativi a Botticino che hanno contribuito a questo importante successo sono da segnalare una produzione di secco residuo di soli 58,3 kg per abitante all’anno e una percentuale di raccolta differenziata pari al 78,2 %.

Ottimi risultati, dunque, nonostante le preoccupazioni iniziali dovute alla partenza del nuovo sistema di raccolta a Brescia con timori di ricadute sul comune limitrofo: «Evidentemente, anche i pochi botticinesi che forse prima utilizzavano impropriamente i cassonetti stradali del capoluogo si sono subito adeguati» ha chiarito il vicesindaco e assessore all’Ambiente Paolo Rabaioli.

Non sembra aver creato problemi neppure l’eliminazione, avvenuta nel corso del 2016, dei cosiddetti green service, i cassonetti adibiti al verde posizionati lungo la strada e accessibili a tutti, il cui uso improprio faceva aumentare il costo per la cittadinanza ma contribuivano al miglioramento della percentuale di raccolta differenziata.

«Il nuovo servizio di raccolta domiciliare del verde, attivato su richiesta a fronte di un piccolo contributo da parte dei cittadini, sta riscuotendo molto successo» ha dichiarato Rabaioli.

I dati ufficiali di bilancio dimostrano inoltre un calo del costo del servizio, che dal 2013 (ultimo anno con il vecchio sistema dei cassonetti stradali) al 2016 si è abbassato del 14%, con un risparmio per i botticinesi di ben 156.000 euro. Questa diminuzione dei costi complessivi del servizio, ottenuta grazie ai lusinghieri risultati di raccolta, ha consentito di estendere il sistema porta a porta anche nella frazione montana di San Gallo praticamente a costo zero.G.MAF.

Condividi la notizia