Per Maderno a metà giugno 48 ore di stop

L.SCA. 30.08.2018

Lo scorso mese di giugno la bandiera rossa del divieto di balneazione venne piantata, dopo i controlli di Ats, sulla spiaggia del Lido Azzurro di Maderno: unico precedente dell’estate 2018, prima del nuovo caso a Lugana. DOPO IL NUBIFRAGIO del 14 giugno, la concentrazione degli enterococchi aveva «sfondato» la soglia di legge, probabilmente per sversamenti fognari rimescolati come in una centrifuga dal maltempo: il nubifragio infatti, inevitabilmente ingrossò a dismisura gli affluenti del lago, scaricando alle foci un delirio di sostanze. Per questo finirono nel mirino i tempi scelti dalla Ats per effettuare il controllo in prossimità dei litorali, poco dopo il maltempo. Dopo 48 ore la bandiera rossa dell’emergenza fu ammainata, con le inevitabili polemiche sulle tempistiche dei controlli di Ats. Ma è la separazione delle acque nere a restare il vero problema di fondo.