Lontana dal centro Costa si gode la festa di San Bartolomeo

Costa di Gargnano
Costa di Gargnano
L.SCA.24.08.2018

Nell’infinità di feste e sagre ferragostane, merita senz’altro una citazione quella di S. Bartolomeo a Costa di Gargnano. Fosse solo perché organizzata nella frazione più distante in Italia dal suo capoluogo, arroccata nell’entroterra alto gardesano e abitata da un’ottantina di irriducibili anime: 18 chilometri per un singolare primato che però non ha mai scoraggiato nessuno soprattutto quando c´è da partecipare come in questo caso ad una «due giorni» di evento organizzato magistralmente dai residenti riuniti sotto l’egida dell’Associazione Costa Nostra. Oggi sarà inaugurata alle 17 la prima edizione di «Girovagando”, passeggiata di circa un’ora (percorso corto), un’ora e venti (percorso lungo) ad anello attraverso i cinque borghi dell’altopiano, Costa appunto, Mignone, Pasiana, Rocca e Torazzo. Il tracciato è stato realizzato in tempi record a partire dal mese di giugno dai volontari dell’associazione locale, recuperando un sentiero nel quale tanti anni fa si praticavano le Rogazioni o altre mulattiere come quella che andava fino al borgo di Pasiana e la «calchera» dove si cuocevano i sassi per ottenere la calce viva, in disuso dal 1950. Alle 19 è prevista anche l’inevitabile apertura degli stand gastronomici con musica dal vivo. Domani dopo la messa delle 10.30, verrà offerto l’aperitivo sul sagrato della Parrocchiale poi il pranzo a base di spiedo con polenta; verrà ancora riproposto «Girovagando» (cartine gratuite per tutti) mentre alle 16.30 è previsto un giro a cavallo per i giovanissimi. •