Vigili del Fuoco:
23 nuovi volontari
pronti all’azione

L’addestramento ha previsto  lezioni teoriche e soprattutto praticheI nuovi vigili del fuoco volontari con il comandante e gli istruttori Il comandante provinciale Agatino Carrolo agli esami degli allievi
L’addestramento ha previsto lezioni teoriche e soprattutto praticheI nuovi vigili del fuoco volontari con il comandante e gli istruttori Il comandante provinciale Agatino Carrolo agli esami degli allievi
Paola Buizza 12.10.2018

Per 156 ore si sono confrontati con situazioni ad alto rischio e procedure d’intervento: dall'irruenza del fuoco all'utilizzo della scala italiana, uno degli attrezzi più importanti e caratteristici dei pompieri. Hanno affrontato lezioni teoriche e dato prova della loro agilità fisica - e prontezza mentale - fino a superare l'esame per il 17° corso di abilitazione a vigile del fuoco volontario. In 23 - tra cui una donna - sono così entrati ufficialmente a far parte dell'organico del personale volontario del Comando provinciale di Brescia guidato da Agatino Carrolo, che ha consegnato loro l'attestato al termine del corso diretto dal geometra Francesco Camiletti con i preziosi insegnamenti dei capisquadra Mauro Lai, Romolo Iovinelli, Domenico Lo Verde e i vigili del fuoco Ernesto Giordano, Orfeo Garau e Lorenzo Del Grande. Ore e ore di addestramento per dotare gli allievi della necessaria conoscenza chimica del fuoco e nozioni di idraulica applicata, prepararli ad affrontare dissesti statici e allagamenti, rischi di natura elettrica e condizioni ambientali compromesse da sostanze pericolose. Fino alla necessaria destrezza per montare e utilizzare la scala e aprire auto incidentate ...interventi di soccorso nei quali si gioca spesso la sfida contro il tempo per salvare vite. I VENTITRÉ VIGILI andranno a rafforzare la componente volontaria del Comando provinciale che si compone di circa 400 persone distribuite tra i 19 distaccamenti presenti sul territorio provinciale. Una importante linfa, quanto meno per gli interventi di natura ordinaria, che andrà ad affiancare i vigili del fuoco permanenti del Comando provinciale che, gravato da carenze d'organico, è stato ulteriormente indebolito dal trasferimento di 26 pompieri a fronte di 4 nuovi arrivi. Ciò nonostante, vengono portati avanti i necessari corsi di addestramento per i vigili permanenti - non farli implica la perdita dell'abilitazione - e l'insegnamento delle principali nozioni agli aspiranti volontari. Come quello appena concluso: «Portiamo gli allievi al limite e chiediamo loro il massimo impegno - spiega il caposquadra Mauro Lai -. I volontari daranno un importante aiuto nei vari paesi in cui opereranno, ovviamente per interventi ordinari e non quelli di particolare complessità, per i quali saranno affiancati dalla squadra permanente. Ma anche nelle situazioni poco complesse, non sempre fila tutto liscio. E se non conosci il pericolo, non sai come evitarlo. Per questo siamo severi». Trenta quiz a risposta multipla e domande mirate hanno testato quanto appreso dai 23 vigili del fuoco volontari, che ora dovranno confrontarsi con la realtà e gli imprevisti che essa comporta. •