Tradito dalla
velocità,
muore sulla A4

Luca Fontana abitava a VillongoL’automobile di Luca Fontana recuperata dal soccorso stradale dopo essere uscita di strada
Luca Fontana abitava a VillongoL’automobile di Luca Fontana recuperata dal soccorso stradale dopo essere uscita di strada (BATCH)
Giancarlo Chiari19.06.2017

Sull’ennesima vittima della strada, nell’incidente accaduto nelle prime ore di ieri, provocato forse da un colpo sonno o da un malore, potrebbe «pesare» la velocità che, con il limite di 130 chilometri, ha probabilmente reso inutili le protezioni passive.

La salma di Luca Fontana, è stata composta nell’obitorio dell’ospedale gestito dalla Richiedei a Palazzolo sull’Oglio, quando i rianimatori hanno dovuto arrendersi. L’uscita di strada sulla A4, nel tratto che attraversa la zona industriale di Adro, è costato la vita al 43enne residente a Villongo (Bergamo), che alle 5,30 al volante di una Peugeot 307 percorreva la carreggiata in direzione Milano. Il 43enne dipendente di un’azienda di Villongo, presumibilmente sarebbe uscito al casello di Ponte Oglio (Bg), a pochi chilometri di distanza. A un paio di chilometri dal casello di Palazzolo, sull’autostrada che iniziava ad animarsi, l’uomo ha perso il controllo dell’auto.

Le Peugeot, senza rallentare ha percorso in diagonale un centinaio di metri lasciando la corsia di marcia per attraversare quella d’emergenza e la stretta banchina senza lasciare il segno di una frenata sull’asfalto.

L’UTILITARIA superata la sponda erbosa si è impuntata sul fondo del fossato, e rovesciandosi ha superato le reti, fermandosi, semidistrutta, dopo avere perso una ruota, ritornata sull’asfalto, davanti recinzione della fonderia, con l’anteriore in direzione opposta al senso di marcia.

La chiamata al 112 è stata immediata: l’Areu ha inviato le ambulanze medicalizzate della Cri di Palazzolo e di Sarnico, con i Vigili del fuoco di Palazzolo. Le protezioni passive, attivate quando aveva allacciato la cintura di sicurezza hanno azionato gli air bag che avrebbero dovuto proteggerlo ma la carambola in velocità è stata fatale.

Quando la Peugeot si è fermata Fontana è rimasto esanime al posto di guida tra gli air bag esplosi senza abbandonare la vettura semidistrutta senza una ruota. I vigili del fuoco lo hanno estratto dall’abitacolo portandolo con una barella sulla carreggiata dove l’équipe delle ambulanze ha tentato a lungo di rianimarlo senza risultato, mentre la stradale eseguiva i rilievi che dovranno chiarire cause e dinamica dell’incidente. Il magistrato ha disposto che la salma fosse composta nell’obitorio palazzolese, la vettura invece è stata recuperata dal soccorso stradale Lazzaroni di Rovato.

Condividi la notizia