Tir in via della
Chiesa, l’asfalto
«collassa»

Un mezzo al lavoro per ripristinare l’area in via della Chiesa dopo il cedimentoIl manto stradale ha ceduto di colpo creando una buca di due metri per un metro e profonda altrettanto  SERVIZIO FOTOLIVE
Un mezzo al lavoro per ripristinare l’area in via della Chiesa dopo il cedimentoIl manto stradale ha ceduto di colpo creando una buca di due metri per un metro e profonda altrettanto SERVIZIO FOTOLIVE
Davide Vitacca 20.09.2018

«Ero fuori dal camion e stavo scaricando, quando ho sentito un tonfo sordo. In un primo momento ho creduto che una macchina avesse centrato la cabina di guida, poi ho visto la ruota anteriore destra affossata e ho capito che l’asfalto aveva ceduto». La fotografia di un incidente imprevedibile e fortunatamente senza conseguenze è nelle parole di Davide Morato, l’autista della GST trasporti di Sandrigo (Vicenza) che ieri, attorno alle 9.30, mentre stava consegnando materiale nel magazzino della Coris Technical di via della Chiesa ha visto l’automezzo sprofondare in una voragine aperta nel marciapiede all’altezza del passo carrabile dei civici 12-14, a pochi centimetri di distanza dalla carreggiata. Per ragioni da chiarire sotto l’autoarticolato — che di norma non può superare le 26 tonnellate a pieno carico — ha ceduto di colpo il manto stradale, creando una buca di due metri per un metro e profonda altrettanto. ALLERTATI dal conducente, sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia Locale, i quali hanno provveduto a mettere in sicurezza l’area bloccando la circolazione tra la rotonda di via Ponte Crotte e via Traversa Prima del quartiere Abba. Traffico deviato sulle arterie limitrofe, così come il percorso delle linee 2 e 16. Il tir è stato quindi sollevato dalla fossa grazie all’utilizzo di una speciale gru a noleggio, mentre la temporanea posa di una lastra carrabile in acciaio ha permesso al mezzo di riprendere la strada di casa. Solo allora i tecnici di A2A hanno potuto mettersi al lavoro, coadiuvati da una squadra di operatori stradali, per verificare la natura del cedimento. La spaccatura del terreno è stata ampliata, in modo tale da controllare eventuali perdite nella rete idrica o del teleriscaldamento. Tra i principali indiziati è finita però la roggia Uraga, corso d’acqua interrato che scorre parallelo a via della Chiesa: una leggera fuoriuscita d’acqua dal terreno sottostante allo strato di asfalto era visibile persino a occhio nudo, segno forse che la spalla del canale non è più perfettamente impermeabile. La ripresa della circolazione su via della Chiesa è stata autorizzata in entrambi i sensi solo n serata. Nei prossimi giorni i tecnici continueranno le indagini. «Se fosse necessario siamo pronti a vietare temporaneamente il transito ai veicoli di un certo peso», dice l’assessore Valter Muchetti». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

CORRELATI