Sparatoria nelle campagne Mistero su movente e feriti

Nella Bassa Bresciana  è scattata la caccia a un’Audi nera
Nella Bassa Bresciana è scattata la caccia a un’Audi nera
Valerio Morabito 07.10.2018

Spari e persone in fuga. È ancora tutta da chiarire la vicenda accaduta nel primo pomeriggio di ieri nelle campagne di Montirone. La pista privilegiata dagli inquirenti è quella di un regolamento di conti tra gang di stranieri. Ma l’episodio è per ora un giallo che stanno cercando di risolvere i carabinieri della Compagnia di Brescia. Tutto si è svolto nel giro di pochi istanti, in via Pedrona. Un'Audi nera (secondo la testimonianza di alcuni residenti della zona) ha incrociato due nord africani, sul ciglio della strada, e dopo aver rallentato si è fermata. A quel punto, dall’auto, sarebbero partiti dei colpi di pistola diretti verso i due che con prontezza si sono rifugiati nei campi, sparando a loro volta per difendersi. STANDO AD UNA prima ricostruzione, negli attimi antecedenti lo scambio di colpi di arma da fuoco, l’auto avrebbe attraversato la periferia di Montirone a tutta velocità, forse alla ricerca dei due. E dopo gli spari, sarebbe ripartita verso Ghedi. Nessuno è rimasto ferito, spiegano gli investigatori, nessuna traccia di sangue è stata trovata. Ma diversi testimoni parlano di tracce di sangue sulla via che conduce al centro del paese. La chiamata al 112 ha dirottato sul posto forze dell’ordine e mezzi di soccorso. In pochi minuti in via Pedrona (tra le zone Casenuove e Paradisino) si è formato anche un capannello di residenti. Alcuni di loro hanno rilasciato testimonianze agli inquirenti, i quali stanno cercando di ricostruire dinamica e motivo della sparatoria. I carabinieri si sono messi subito sulle tracce dei fuggiaschi e dell’Audi. DAI PRIMI DATI acquisiti e dalle modalità apprese, si potrebbe trattare di un regolamento di conti legato agli affari crimonosi dei protagonisti della vicenda. I militari hanno setacciato il campo di via Pedrona in cui è avvenuta la sparatoria, mentre la polizia Locale si è occupata di delimitare la zona al transito di veicoli e pedoni. Sul posto sarebbe stato trovato un bossolo di pistola a salve, ma anche in questo caso non si hanno conferme ufficiali. Quel che è certo, i residenti hanno sentito più di uno sparo. Per rispondere ai tanti interrogativi gli inquirenti hanno acquisito anche le immagini di videosorveglianza pubblica e privata, riprese che potrebbero aver immortalato l'Audi nera che, prima di transitare dalla strada di campagna a Montirone, potrebbe essere arrivata da Borgosatollo. E sul tragitto ci sono «occhi elettronici» che potrebbero dare le risposte cercate. Anche quelli di un’importante azienda della zona. Tutti questi elementi, nelle ultime ore, sono finiti sul tavolo degli inquirenti che stanno provando a ricostruire i fatti. •