Scivola col Fiorino nel dirupo: muore un pasticcere 46enne

Il Fiorino di Jannes Possi precipitato per oltre 300 metri
Il Fiorino di Jannes Possi precipitato per oltre 300 metri
Mila Rovatti 11.08.2018

Si è drammaticamente conclusa in fondo a un burrone la gita di Jannes Possi, 46enne noto pasticcere residente in città, e con l’attività a Concesio, precipitato col suo Fiorino dalla strada che dal Baremone porta al Maniva. Un volo di oltre 300metri che non gli ha lasciato scampo, quando verso le mezzanotte di giovedì gli uomini del soccorso alpino di Valle Sabbia sono riusciti ad individuarlo per lui non c’era più nulla da fare. Le ricerche sono scattate alle 18 di giovedì quando Jannes non si è presentato al lavoro. In mattinata era partito con alcuni amici da Brescia caricando la bici sul Fiorino con l’intenzione di fare una lunga pedalata fra le montagne che dal Maniva scollinano sul versante valsabbino nel territorio compreso tra Anfo e Lavenone. QUANDO il 46enne non è arrivato al lavoro i familiari hanno cominciato ad interpellare gli amici con cui era salito in montagna, l’ultimo a vederlo, proprio uno di loro, che verso le 16 lo ha salutato mentre ricaricavano le bici sulle auto, ed è salito in macchina precedendolo di qualche minuto. Minuti fatali che hanno fatto in modo che nessun testimone assistesse alla sua uscita di strada. Distrazione o malore? Non si sa con esattezza cosa abbia fatto precipitare l’auto, che procedeva da Lavenone verso il Passo della Berga in un tratto stretto e pericoloso. Le ricerche sono scattate appena dato l’allarme, ma a complicare il tutto verso le 20 sulla zona si è abbattuto un violentissimo temporale con pioggia battente e vento. La situazione meteo ha costretto a rientrare anche l’eliambulanza arrivata da Como. Verso le 22.30 gli uomini del soccorso alpino della stazione di Valle Sabbia hanno individuato il punto dove parevano fresche le tracce di un’uscita di strada, purtroppo più a valle dopo un volo di oltre 300 metri sono stati individuati i resti dell’auto. UN AMMASSO di lamiere che rendeva difficile anche distinguere il modello. Con grande perizia e costretti a lavorare su un terreno scivoloso, gli uomini del Soccorso alpino si sono calati individuando Jannes Possi, ma per lui non c’era più nulla da fare, solo verso le tre di notte la salma è stata riportata sulla strada da dove successivamente è stata trasferita all’obitorio del Civile. Sul posto per i rilievi sono intervenuti i carabinieri della stazione di Collio Valtrompia e Idro, ad assistere alle operazioni di recupero anche alcuni familiari chiusi nel loro dolore. Il Fiorino non è ancora stato recuperato, le operazioni per riportare l’auto in strada si prevedono particolarmente difficoltose a causa della zona impervia. •